plastica

Uno dei tempi sul quale negli ultimi anni si è creato un maggiore dibattito pubblico e politico a livello internazionale riguarda la salvaguardia del pianeta e l’analisi di ciò che fa male all’ambiente. Ogni volta tra le cause sotto accusa che si sentono nominare ce n’è sempre una: l’uso della plastica. Sembra essere ovunque, eppure ci sono dei metodi per diminuire notevolmente il nostro utilizzo di questo materiale.

La plastica: un nemico da combattere

Anche in Italia si parla molto di plastica, come nel caso delle polemiche sulla bottiglia gettata in mare durante una puntata de I Fatti Vostri.

Ancora più allarmante, però, la denuncia di Greenpeace, che ha segnalato un traffico internazionale di rifiuti tra Italia e Malesia.

Ogni anno, come riporta il Sun, più di 12 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare. Secondo gli esperti, nel 2050 il peso della plastica negli oceani supererà quello dei pesci.

I rifiuti di plastica oggi sono ovunque, ha spiegato al Sun Jo Ruxton, il fondatore di Plastic Oceans UK, dalle montagne ai più profondi oceani. Sta entrando nella catena alimentare ed è un rischio per la salute umana”.

Andando ancora più nello specifico, Ruxton ha affermato che anche le mascherine anti-covid finiscono nel nostro cibo. “Le maschere si trasformano in nano-particelle di plastica”, ha infatti dichiarato, “che poi vengono ingerite dal plankton ed entrano nella catena di alimenti che noi poi mangiamo”.

I consigli per ridurre l’uso e spreco di plastica

Qualcosa per evitare tutto questo, però, è possibile. Oltre a prendere parte al lavoro delle associazioni e ONG che si occupano di salvaguardia ambientale, infatti, ciascuno può fare dei cambiamenti al proprio stile di vita che aiutano la Terra.

Una scelta molto semplice – e, ormai, anche comune – è quella di portare le proprie buste della spesa quando si va al supermercato o nei negozi. Non comprare cannucce di plastica, a favore invece di quelle di metallo o di carta.

Un’altra soluzione è quella di acquistare frutta (meglio se di stagione) non confezionata, in quanto spesso venduta in contenitori di plastica. Sempre sul tema del cibo, sarebbe bene evitare la pellicola per alimenti, a favore invece di carta forno o incarti in cera d’api.

Un’ottima idea sarebbe quella di comprare bibite in lattina piuttosto che nelle bottiglie usa e getta, e di evitare di usare le gomme da masticare, perché appunto fatte di plastica.

Per quanto riguarda il bagno, invece, un’altra ottima opzione sono gli spazzolini in bambù. Per la barba, invece, sarebbe meglio usare un rasoio elettrico (o, al massimo, con lame sostituibili). Mentre, per sostituire il gel doccia e lo shampoo, si possono usare detergenti in saponetta. Ormai, infatti, questi prodotti si trovano abbastanza facilmente nei negozi di profumeria e prodotti per l’igiene.

Infine, per le feste sarebbe meglio evitare di acquistare palloncini, anche perché spesso finiscono per soffocare gli animali che li trovano.

Lo stesso vale per i fiammiferi usa e getta: alcuni uccelli pare che trovandoli possano scambiarli per qualcosa di edibile e provino a darli ai loro piccoli.