Domenico Arcuri

Il Paese è ancora nel pieno dell’emergenza coronavirus, e gli ultimi dati della Protezione Civile parlano di 36.176 contagi da Covid-19. Nelle scorse ore ha parlato il Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, che ha concentrato il suo intervento sulle tempistiche del vaccino. L’obiettivo del Governo sarebbe quello di vaccinare una parte importante della popolazione nel primo semestre o entro settembre del 2021.

Il piano per i vaccini

Sui vaccini stiamo disegnando un piano, il primo disponibile sarà quello di Pfizer, all’Italia arriveranno 3,4 milioni di dosi nella seconda parte di gennaio.

Saranno subito vaccinati 1,7 milioni di italiani, ogni vaccinato dovrà fare il ritorno dopo tre settimane“, ha spiegato Arcuri. “Sulla base delle previsioni non ancora validate dagli enti autorizzativi una parte importante della popolazione potrà essere vaccinata entro il primo semestre del prossimo anno o entro il terzo trimestre 2021“, spiega, e le sue parole chiariscono come questa sia ancora solo una speranza e non una certezza.

Leggi altre curiosità sul Vaccino Pfizer: chi è la coppia di miliardari dietro la scoperta

Vaccino: obbligatorio o no?

Per ora non è previsto l’obbligo“, spiega Arcuri in conferenza, spiegando comunque che è allo studio una piattaforma informatica che consentirà di verificare a che punto è la somministrazione del vaccino, per sapere chi sono le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto.

In generale però, per quanto riguarda il covid-19: “La sua forza, ancora rilevante, si sta riducendo grazie alle misure prese dal governo. Nelle ultime quattro settimane la crescita si è affievolita. È ancora impetuosa, ma il ritmo va decelerando“.

Guarda il video

Approfondisci

TUTTO sul Coronavirus

Vaccino Pfizer: come funziona, come viene trasportato e quanto ne potremo avere

Coronavirus: il vaccino Pfizer previene il 90% delle infezioni