Calcolatrice e fogli

L’anno che sta per concludersi ha messo, senza dubbio, a dura prova l’intera popolazione mondiale. L’epidemia di Coronavirus ha colto tutti di sorpresa, provocando considerevoli disagi economici all’interno delle famiglie e di interi settori lavorativi. Mentre contiamo i giorni che ci separano dal dire “addio” a questo 2020, adeguandoci alle limitazioni imposte per le festività natalizie, arrivano interessanti notizie dal Senato. Proprio in questi giorni, infatti, la Camera ha approvato la Legge di Bilancio 2021, che prevede l’utilizzo di 40 miliardi da destinare ad aiuti, bonus e microbonus.

Vediamo nel dettaglio quali sono i nuovi sostegni per gli italiani.

Il rimborso per le spese in negozio: Cashback di Stato

In questo insolito mese di festività natalizie, ci siamo avvicinati all’utilizzo di una prima misura di sostegno economico, il cashback di Natale. Tale sistema prevede il rimborso del 10% delle spese effettuate fra l’8 e il 31 dicembre, pagando con carta di credito o bancomat, all’interno di negozi fisici. Chi desidera usufruire di questo servizio deve essere in possesso di una carta d’identità digitale o dello Spid, per potersi registrare sull’app Io.

Dopo iniziali difficoltà dovute al malfunzionamento del sistema e ai dubbi degli utenti, il sistema di rimborso sembrerebbe funzionare.

A partire dal 1° gennaio 2021, il cashback potrà arrivare ad ammontare a 300 euro, per una spesa massima di 3.000 euro l’anno e per un minimo di 50 transazioni in negozi fisici. I rimborsi avverranno a partire da 60 giorni dal termine di ciascuna delle 3 fasce periodiche previste: 1° gennaio/30 giugno 2021; 1° luglio/31 dicembre 2021; 1° gennaio/30 giugno 2020.

Ristrutturare casa: Superbonus e attenzione all’ambiente

Si chiama “Superbonus” ed è il sostegno per la ristrutturazione dei condomini, con l’utilizzo di materiali e l’introduzione di nuovi impianti rispettosi e vantaggiosi per l’ambiente.

La nuova Legge prevede la sua proroga fino alla conclusione del 2022, per tutti i lavori già conclusi per il 60% entro giugno dello stesso anno. La detrazione del 110% sarà distribuita non più in 5 rate, ma in 4.

Il Superbonus viene inoltre allargato alle proprietà plurifamiliari e alle villette a schiera con, anche un solo impianto in comune. Per gli interventi condominiali, non è più necessario l’accordo di tutti i proprietari dell’edificio, ma è sufficiente la maggioranza di un terzo della totalità.

Il bonus include, infine, anche i lavori di coibentazione del tetto, i pannelli solari e l’installazione di colonnine per la ricarica di auto elettriche.

Vi sono altri bonus che guardano all’ambiente. Parliamo del bonus sistemazione a verde, per gli interventi a giardini e terrazzi di immobili destinati all’abitazione. Ricordiamo, ancora, il bonus grandi elettrodomestici e la retribuzione degli interventi per le riqualificazione energetica (50% per la sostituzione con gas di ultima generazione). Il bonus idrico guarda, invece, alla diminuzione dello spreco di acqua e stanzia 20 milioni, per i primi 20 mila beneficiari che sostituiranno sanitari, miscelatori e rubinetti.

Si parla di “bonus locatori” per i proprietari di immobili in locazione, che decidono di diminuire il costo dell’affitto. Per loro è previsto un contributo a fondo perduto, che può arrivare ad ammontare al 50% della riduzione effettuata, per un massimo di 1.200 euro annui.

Ricordiamo, infine, il bonus facciate, con un’aliquota del 90% per le spese di rifacimento e il bonus mobili, con la detrazione del 50% sull’acquisto dell’arredamento.

Bonus per la mobilità

Non mancano gli interventi per sostenere l’acquisto di mezzi utili alla riduzione dell’inquinamento.

Lo stanziamento di 20 milioni permetterà il contributo del 40% su una spesa massima di 30 mila euro, al netto dell’iva, per l’acquisto di un’automobile elettrica. Il bonus non è cumulabile e ne potranno usufruire solamente i cittadini con Isee inferiore ai 30 mila euro. Chiunque rottamerà l’auto, per acquistarne una nuova e meno inquinante, avrà, invece, diritto a un incentivo dai 2 mila ai 4 mila euro.

Dopo il bonus per l’acquisto di biciclette e monopattini, arriva un nuovo sostegno. Le microimprese che utilizzano mezzi a due o tre ruote con rimorchio, per il trasporto di merci all’interno della propria città, avranno accesso al bonus cargo bike. Si tratta, nello specifico, di un credito di imposta al 30% della spesa, per una spesa massima di 2.000 euro.

Bonus per studiare e… per vederci meglio

Negli scorsi mesi, le famiglie con figli a scuola o all’università hanno riscontrato numerose difficoltà nel prendere parte alla didattica a distanza. Ciò non solo per la necessità di adattarsi a nuove metodologie di insegnamento e all’apprendimento autonomo, ma anche per la mancanza di strumenti fondamentali per seguire le lezioni da casa. Le famiglie con Isee fino a 20 mila euro avranno diritto, a partire dal 2021, all’ottenimento di un tablet o di uno smartphone connesso a Internet, in comodato d’uso per un anno.

Sarà sicuramente apprezzato il bonus occhiali, un voucher da 50 euro per l’acquisto di lenti a contatto o occhiali da vista. A beneficiarne saranno 100 mila persone all’anno, con Isee inferiore ai 10 mila euro.

Le famiglie: bonus e congedi per madri, padri e bebè

Le future mamme avranno diritto al bonus mamma domani, un premio di 800 euro, riservato alle donne in gravidanza. Dal 1° luglio 2021, tale sostegno si trasformerà in Nuovo assegno unico. Verrà, inoltre, introdotto il nuovo congedo di maternità, che permetterà alle donne in buona salute di continuare a lavorare fino al conseguimento del nono mese di gravidanza.

Sarà confermato il congedo parentale, che passerà dai 7 giorni previsti inizialmente, ai 10.

Si chiama “bonus bebè” l’assegno a cui avranno diritto le famiglie che nel 2021 daranno alla luce un nuovo nato. Tutti potranno usufruire di questo contributo, la cui somma varierà in base al reddito Isee. Il bonus asilo nido verrà prorogato per tutto il 2021. Dal 1° luglio, invece, partirà il Nuovo assegno unico figli a carico. A partire dalla stessa data, il sostegno per i figli e figlie con disabilità subirà un aumento e cesserà di avere limiti di età, venendo esteso per tutta la durata della vita.

Gli altri bonus previsti: dagli chef alle smart TV

I cuochi, dipendenti o dotati di partire Iva, avranno diritto a un credito di imposta fino al 40%, per l’acquisto di macchinari e attrezzature. Sono inclusi, inoltre, anche corsi di aggiornamento, per una spesa massima di 6 mila euro.

Aumenta il tetto massimo per la detrazione per le spese veterinarie: da 500 a 550 euro.

Infine, le famiglie intenzionate a sostituire una vecchia televisione, aventi l’Isee inferiore ai 20 mila euro, otterranno un sostegno di 50 euro, utile all’acquisto di un nuovo apparecchio.