coronavirus medici

I dati del bollettino del Ministero della Salute fotografano una pandemia di coronavirus che colpisce duramente l’Italia. A preoccupare è la possibile insorgenza di alcune varianti del Covid-19, da quella britannica a quella brasiliana, che ha spinto il ministro Speranza a chiudere i collegamenti aerei con il Brasile. Nel nostro Paese, intanto, continua la campagna di vaccinazione, che subisce ritardi a causa del taglio delle forniture di Pfizer.

Il bollettino del Ministero della Salute

Coronavirus, il bollettino di oggi

I nuovi contagi di oggi sono 12.545 (-3.765 rispetto a ieri), in diminuzione a fronte di un calo dei tamponi effettuati, che sono oggi 211.078.

Torna a scendere anche il tasso di positività, il rapporto tra tamponi effettuati e positivi trovati, che è del 5,9%. Sono in calo i ricoveri con sintomi, che arrivano a 22.757, con 2.503 persone ricoverate in Terapia Intensiva, 528.114 contagiati sono invece in isolamento domiciliare. Il totale degli attualmente positivi è di 553.374. Sono 1.745.726 i dimessi e guariti, mentre le vittime del coronavirus di oggi sono 377, che portano il totale a 82.177.

Forlì: perse 800 dosi di vaccino Moderna, sono da buttare

Vaccini, Pfizer diminuisce le forniture

Come annunciato dal commissario straordinario Domenico Arcuri a Domenica In: “La Pfizer ha comunicato a tutti i 27 Paesi dell’Unione Europea che il successivo lunedì avrebbe consegnato una dose ridotta del vaccino che era pianificato arrivassero“.

Il preavviso è stato di sole 48 ore e ha subito fatto scattare le proteste dei governi europei, con in testa l’Italia, che al momento è la prima per vaccini somministrati.

Il problema riguarda il secondo richiamo per chi è già stato vaccinato, anche se le dosi dovrebbero bastare, nonostante ci sarà una fornitura di 165mila dosi in meno.

Penso che il diritto alla salute debba superare qualsiasi logica di mercato“, ha dichiarato Arcuri, che ha protestato “duramente” contro questa decisione. “Per adesso la Pfizer ci ha assicurato, cosa che all’inizio non era, che questa riduzione sarà soltanto per una settimana. Speriamo che sia vero. Per questa settimana continueremo a mostrarci litigiosi come dobbiamo, anche avanzando nella nostra litigiosità“.

I dati sui vaccini del Ministero della Salute
I dati sui vaccini del Ministero della Salute

La casa farmaceutica avrebbe inoltre deciso unilateralmente quali Regioni subiranno i tagli. Sono solo 6 le Regioni che non avranno diminuzioni nelle forniture, Marche, Abruzzo, Umbria, Basilicata, Molise e Valle d’Aosta, mentre sono Veneto, Emilia Romagna e Lombardia quelle con il taglio maggiore, meno 25mila dosi.

Approfondisci:

TUTTO sull’emergenza Coronavirus

TUTTE le notizie sul vaccino anti-Covid