Luca Sacchi e Anastasiya Kylemnyk

Giovanni Princi, condannato per reati di droga, sarebbe evaso ieri dai domiciliari e arrestato dai Carabinieri di Centocelle. Princi era un amico di vecchia data di Luca Sacchi, il giovane personal trainer ucciso con un colpo di pistola durante una compravendita di marijuana organizzata dallo stesso Princi e dalla fidanzata di Sacchi, Anastasiya Kylemnyk.

Giovanni Princi evade dai domiciliari

Giovanni Princi è stato condannato con rito abbreviato lo scorso 22 giugno per aver infranto la legge sulla droga, cercando di comprare 15 kg di marijuana la notte in cui è morto Luca Sacchi. Princi, ex compagno di scuola del personal trainer, aveva un permesso di mezz’ora per uscire di casa, in modo che potesse sostenere un colloquio di lavoro.

Al termine del tempo concesso non è tornato a casa, facendo scattare il braccialetto elettronico. I Carabinieri lo hanno trovato mentre passeggiava insieme alla fidanzata e al cane.

Luca Sacchi, svelati i messaggi prima e dopo la notte dell’omicidio

L’omicidio di Luca Sacchi

Luca Sacchi è stato ucciso davanti il John Cabot Pub, in zona Arco Travertino a Roma, nella notte tra il 23 e il 24 ottobre 2019. Il personal trainer è rimasto coinvolto in una compravendita di droga finita male.

È stato raggiunto da un proiettile sparato da Valerio Del Grosso, mentre il complice nella vendita di stupefacenti, Paolo Pirino, è accusato di concorso in omicidio. I due avrebbero cercato di rapinare Anastasiya Kylemnyk e Giovanni Princi dei 70mila euro che avevano portato in cambio della marijuana.

Kylemnyk, 26enne di origine ucraina e fidanzata di Luca Sacchi, è a processo per aver tentato la compravendita di droga, e parte civile nel processo per omicidio, iniziato lo scorso maggio. La 26enne sarebbe stata aggredita con un bastone e Luca Sacchi sarebbe intervenuto per difenderla, come risulta dall’autopsia che riporta segni di aggressione.

Valerio Del Grosso è al momento detenuto nel carcere di Regina Coeli, così come Paolo Pirino.

Approfondisci:

Caso Luca Sacchi, il dolore di una madre: “Non avrò più niente”