lettera di claudio nanni a arianna, figlia di ilenia fabbri

Nella vicenda della morte di Ilenia Fabbri, madre 46enne uccisa a Faenza, si è molto parlato nei giorni scorsi di una lettera che Claudio Nanni ha scritto per la figlia Arianna. L’uomo è in carcere per omicidio in concorso: avrebbe pagato un uomo, Pierluigi Barbieri, perchè uccidesse (o spaventasse, secondo la sua versione) la donna. Solo ieri, la figlia aveva difeso il padre, citando a sua volta la lettera della quale ora è stato pubblicato il contenuto.

La lettera dell’ex marito di Ilenia Fabbri

Sono giorni che si parla di questa lettera che Claudio Nanni ha scritto ad Arianna, dal carcere in cui è detenuto.

La stessa, sarebbe stata scritta lo scorso venerdì, prima quindi della confessione di Pierluigi Barbieri e della versione di Nanni stesso davanti ai magistrati. Due versioni contrastanti: Barbieri avrebbe ammesso di essere stato pagato per ucciderla, Nanni afferma invece che i 20.000 euro erano per spaventarla e basta.

Qualcosa sotto però c’era ed è emerso anche da un vocale mandato a dicembre da Nanni a Barbieri. E qualcosa è chiaro anche dalla lettera dell’ex marito di Ilenia Fabbri alla figlia. Il padre, riporta Il Resto del Carlino, scrive: “Arianna, come ti avranno detto i miei avvocati, le cose sono andate diversamente da come dovevano andare.

In ogni caso ho commesso un errore e dovrò pagare.

Claudio Nanni: “La cosa migliore è scomparire”

Nella lettera, il pensiero va poi alla figlia Arianna: “Il non poterti più vedere o per anni o x sempre, per quanto ti AMO, in questo momento non mi dà la forza di vivere più“. E ancora: “In più dovresti provare odio nei miei confronti e questo mi butta ancora più giù. Per questo provo vergogna nel parlare e farmi vedere da tutti, ma soprattutto da te. Non ci sono parole per chiederti scusa e penso che la cosa migliore sia scomparire“.

Claudio Nanni conclude poi: “La zia Cristi e lo zio Dino ti seguiranno per ogni cosa. Nonostante tutto il mio amor per te è grande“.

La figlia Arianna difende Claudio Nanni

La lettera di Claudio Nanni potrebbe aver colpito nel profondo la figlia Arianna, che quella mattina era uscita di casa assieme a lui e non avrebbe potuto immaginare che, nello stesso istante, una persona in combutta col padre stava per uccidere la madre. Arianna Nanni però ha parzialmente preso le difese del padre, accettando pare la sua versione dei fatti: “Ha sbagliato a fare sta putta***a di fargli paura, ma il problema non è babbo ma Barbieri Pierluigi“.

Nella stessa telefonata a Mattino Cinque, ad Arianna è stato anche chiesto se creda o no al padre. La giovane, dopo un lungo silenzio, ha risposto così: “So che non la voleva ammazzare“. Arianna, inoltre, avrebbe chiesto di poter incontrare il padre in carcere.