Paul Gascoigne resta all'Isola dopo l'infortunio?

Il pubblico dell’Isola dei Famosi attende di sapere il destino di Paul Gascoigne: l’ex calciatore ha subito l’ennesimo infortunio di un’edizione non partita esattamente per il verso giusto. Gazza, al momento, dovrebbe lasciare il reality di Ilary Blasi, ma alcune fonti anche britanniche non danno per impossibile una sua permanenza tra i naufraghi: se ciò avvenisse, sarebbero necessarie alcune regole speciali.

Infortunio per Paul Gascoigne: addio all’Isola?

Per Paul Gascoigne, celebre calciatore degli anni ’90 con un passato anche alla Lazio, è stata un’esperienza decisamente tribolata. In primis i problemi linguistici, che non gli hanno facilitato sia i rapporti con gli altri naufraghi che la comprensione di alcune dinamiche del reality.

Con la sua simpatia e quella buona dose di pazzia tipica di Gazza, è riuscito a diventare comunque un possibile idolo del pubblico. Questo fino all’infortunio della scorsa puntata.

Durante una prova, Paul Gascoigne si è lussato una spalla. Un infortunio che inizialmente non sembrava troppo grave, poi sono circolate le prime voci sul possibile ritiro di Gascoigne dall’Isola dei Famosi.

Paul Gascoigne all’Isola: dal Regno Unito convinti che resterà

A mettere il dubbio sul futuro di Gascoigne in Honduras, sono fonti di primo piano britanniche come il The Sun.

I tabloid stanno seguendo da vicino l’esperienza di Gazza, che anche per i suoi drammatici trascorsi con l’abuso di alcol è sempre stato attenzionato dai media. Ebbene, secondo la fonte, Gascoigne sarebbe “determinato a tornare” tra i naufraghi. Viene specificato però che potrebbe trattarsi di una “toccata e fuga” e non un vero e proprio ritorno nel reality.

Isola dei Famosi, regole speciali per Gascoigne?

In Italia, c’è chi rilancia la possibilità che Gascoigne resti in Honduras, ma con alcune precauzioni e regole speciali.

Il programma, va ricordato, sta già perdendo molti più naufraghi di quanto previsto, dopo gli abbandoni di Ferdinando Guglielmotto e Akash Kumar, entrambi rifiutatisi di restare a Parasite Island. Perdere anche uno dei protagonisti di queste prime settimane, potrebbe far perdere ulteriore appeal al programma.

Quindi, riporta Fanpage, l’ipotesi è che Gascoigne torni in gruppo, ma che gli venga permesso di non partecipare alle prove più difficili e fisiche, oltre che di dormire su un letto più comodo. Se fosse confermata la lussazione della spalla, Gascoigne avrebbe bisogno di un tutore ed eventualmente di una terapia farmacologica, non esattamente indicata in un regime di scarsa nutrizione come quella dei naufraghi sull’Isola.

Perché Gascoigne dovrebbe restare?

Detto delle motivazioni del programma di Canale 5, che da un lato non vorrebbe perdere il suo protagonista internazionale ma deve anche tener conto di questioni assicurative, ci sarebbero anche le ragioni personali per Paul Gascoigne a non voler gettare la spugna. Su tutte, il cachet che Gazza percepisce per partecipare al programma: secondo quanto divulgato ma non confermato, si tratta di migliaia di euro pagati settimanalmente.

Sono noti i problemi economici che hanno colpito l’ex calciatore in passato, legati anche al suo alcolismo. Restare di più nel programma gli consentirebbe quindi di accumulare assegni, oltre alla soddisfazione di non aver mollato.

Fuori dall’Isola, intanto, si è fatto un gran parlare del coming out del figlio, risalente ormai a un anno e mezzo fa. Il giovane Regan Gascoigne, però, è stato ospite anche da Barbara d’Urso, dove ha ribadito la reazione di Paul Gascoigne alla sua bisessualità.