Carolina Marconi racconta il primo ciclo di chemioterapia

Carolina Marconi continua a raccontare la sua lotta contro il tumore al seno che l’ha colpita, lo fa senza nascondere i momenti più bui, quelli che la tirano giù e le speranze e i sogni ai quali si aggrappa per lottare (e vincere). La showgirl ex gieffina ha iniziato i cicli di chemio, nonostante si sia mostrata ai fan con il suo solito e splendido sorriso, Carolina Marconi non nasconde quanto tutto questo sia difficile e doloroso.

Carolina Marconi affronta la chemioterapia

Carolina Marconi ha iniziato la chemioterapia, la showgirl venezuelana, dopo aver mostrato ai fan di aver tagliato i capelli, ha condiviso su Instagram un nuovo aggiornamento sulla sua lotta al tumore al seno.

Postando una foto sul lettino con tutte le canule inserite, Carolina Marconi ha scritto: “4° Step, eccomi qui appena finito il mio ciclo di chemio, non vi nego che me la stavo facendo addosso… ero spaventata, non sapevo che effetto potesse fare questo liquido che piano piano scorreva nelle mie vene, meno male che avevo la mascherina ed ho fatto un piccol piantino così nessuno l’ha notato…

Non si nasconde Carolina, le sue paure sono sempre lì, pronte a buttarla giù, ma lei non è afatto intenzionata ad arrendersi.

Carolina Marconi e il suo sogno più grande

L’ex gieffina non intende abbandonare il suo sogno più grande che, come lei stessa ha detto, è il motivo principale che la spinge a lottare: “Poi la paura è finita, mi sono distratta, ho penato a tutte le cose belle che dovrò fare una volta terminato tutto, al mio grande sogno di diventare mamma, i miei progetti da realizzare…” ha detto, aggiungendo: “Devi pensare e sognare solo cose belle”.

Carolina Marconi ha poi ringraziato gli infermieri che le sono stati vicini durante la chemioterapia, i fan e tutti coloro che in quei momenti le sono stati vicino.

Grazie ancora per tutto questo, siete meravigliosi, il calore che mi date...”

Apprfondisci:

Carolina Marconi parla dell’inizio delle cure: “Sono crollata a piangere davanti all’infermiere”