TV e Spettacolo

Star in the Star nella bufera, Pier Silvio Berlusconi pronto alla querela: “Il pubblico è stato truffato”

Pier Silvio Berlusconi sarebbe pronto a querelare la casa produttrice di Star in the Star per via del mancato rispetto di alcune clausole. È bufera per il format condotto da Ilary Blasi.
Pier Silvio Berlusconi Ilary Blasi

A Cologno Monzese tira aria di lite. Secondo alcune indiscrezioni, Star in the Star sarebbe da giorni al centro delle polemiche e Pier Silvio Berlusconi sarebbe addirittura pronto a querelare la società produttrice del programma. Il format non rispetterebbe le clausole contrattali e c’è già chi parla di truffa.

Star in the Star: il nuovo format Mediaset scatena la polemica

La nuova stagione televisiva di Mediaset sta iniziando in queste settimane. A quanto pare però alcuni problemi starebbero già mettendo a repentaglio la possibile continuazione di uno dei nuovi programmi.

Lo scorso giovedì Star in the Star è andato in onda con la sua prima puntata, dopo mesi di discussioni e critiche. Da tempo si discute del fatto che la trasmissione condotta da Ilary Blasi risulti troppo simile ad alcuni format Rai. La polemica si era accesa ancor prima del debutto in prima serata.

Ad accumunare gli show vi sarebbe il fatto che tutti prevedono le esibizioni di personaggi noti dello spettacolo nostrano, chiamati a esibirsi nei panni di altri personaggi. In particolar modo Star in the Star assomiglierebbe e Tale e Quale Show, poiché entrambi richiedono ai concorrenti di salire sul palco truccati e vestiti come le grandi star della musica internazionale.

Anche nella loro interpretazione, i partecipanti di tutti e due i format devono cercare di riprodurre voci e gestualità dei personaggi affidati.

Scoppia la bomba su Star in the Star: Mediaset minaccia la querela

Com’era immaginabile, i malcontenti sulla nuova trasmissione Mediaset non hanno fatto che aumentare con la messa in onda della prima puntata, ma sorprendentemente sembra essere emerso un nuovo motivo di insoddisfazione.

A riferire la notizia della nuova polemica nella nota rete privata è Dagospia. Secondo l’esperto di gossip, Pier Silvio Berlusconi sarebbe così adirato da aver minacciato addirittura la querela. A far infuriare il dirigente e i suoi collaboratori però non sarebbe la somiglianza con i format Rai.

“Una lettera durissima è arrivata sabato sui tavoli dei due dirigenti” si legge sul portale in riferimento ai fratelli Bassetti, alla guida di Banijay, società di produzione del format. Il “mittente” spiega ancora, sarebbe “Pier Silvio Berlusconi che, vista la puntata d’esordio, ne è uscito furibondo.

“Se la prossima puntata non cambierà radicalmente l’azienda di Cologno Monzese procederà con querela e richiesta danni sarebbe la scelta del dirigente.

Pier Silvio Berlusconi contro Star in the Star: “Il pubblico è stato truffato”

Dagospia ha rivelato anche il motivo che potrebbe aver portato Pier Silvio Berlusconi a scegliere di procedere per vie legali contro la casa di produzione di Star in the Star. “Il punto chiave non è come il programma è stato apparecchiato (scene, luci, giuria, conduzione) ma proprio il cuore dell’idea, totalmente disattesa rispetto al contratto di appalto spiega Dagospia.

“La parola chiave della diffida è ‘truffa’, avete letto bene: il pubblico è stato truffato, secondo Pier Silvio Berlusconisi legge ancora. “Il punto forte del programma era l’assoluta somiglianza tra il personaggio sul palco e la leggenda musicale interpretataosserva l’esperto di gossip. A quanto pare, però gli interpreti che si sono esibiti sul palco di Star in the Star non avrebbero avuto nulla di somigliante ai personaggi affidati.

Pier Silvio avrebbe richiesto l’immediata risoluzione del problema entro la seconda puntata, prevista per questa sera. Chissà se davvero la casa di produzione si è vista costretta a modificare il format: manca sempre meno per scoprirlo.

Potrebbe interessarti