Politica

David Sassoli, il dolore di Ursula von der Leyen e il racconto degli ultimi giorni: “Ha combattuto”

Il ricordo commosso di Ursula von der Leyen e il racconto degli ultimi giorni di vita di David Sassoli, morto a 65 anni, nelle parole del suo portavoce Roberto Cuillo.
David Sassoli, il dolore di Ursula von der Leyen e il racconto del portavoce: "Ha combattuto contro il male"

La morte di David Sassoli è stata annunciata dal suo portavoce, Roberto Cuillo, che ha parlato degli ultimi giorni di vita del presidente del Parlamento europeo tratteggiando il perimetro di una dura battaglia contro la malattia che lo aveva colpito. Nelle stesse ore, il messaggio di Ursula von der Leyen e l’addio cristallizzato in una foto che ricalca la loro amicizia.

David Sassoli, il messaggio di Ursula von der Leyen dopo la morte del presidente del Parlamento europeo

Sono profondamente rattristata dalla morte di un grande europeo e italiano. David Sassoli è stato un giornalista appassionato, uno straordinario Presidente del Parlamento europeo e soprattutto un caro amico.

I miei pensieri vanno alla sua famiglia. Riposa in pace, caro David“. Questo il messaggio di Ursula von der Leyen su Twitter, per ricordare il presidente del Parlamento europeo scomparso nella notte a 65 anni. Parole che arrivano insieme a una foto che ritrae la presidente della Commissione europea insieme a David Sassoli durante un incontro a Madrid, nel 2019. “Riposa in pace, David, mio caro amico“, ha concluso von der Leyen.

Il racconto del portavoce di David Sassoli sugli ultimi giorni del presidente del Parlamento europeo

L’annuncio della morte di David Sassoli è arrivato via Twitter, diffuso dal suo portavoce Roberto Cuillo.

Intervistato da RaiNews poche ore dopo la scomparsa del presidente del Parlamento europeo, ha proposto un ritratto della sua storia di uomo, giornalista e politico, e ha raccontato anche qualcosa sui suoi ultimi giorni di ricovero.

Ha vissuto il suo impegno esattamente con lo stesso spirito di come è stato grande giornalista. Nel suo passato professionale ha concepito tutto come una missione per i cittadini. Per riavvicinare le istituzioni europee alle persone. Un uomo buono, tenace e combattivo.

(…) Un innovatore gentile. Si è battuto perché finisse l’Europa dei sacrifici e iniziasse quella della solidarietà. Si è battuto perché fossero evitati i tagli per gli ultimi, per i più fragili.

E questo è stato un segno distintivo della sua politica”.

Nel suo racconto, Cuillo ha parlato del dramma personale di David Sassoli che, da tempo, lottava contro una grave malattia: “Ha combattuto in queste ultime ore, in questi ultimi giorni contro il male, così come nelle istituzioni per ridare dignità alle istituzioni europee”. David Sassoli si è spento in ospedale, alle soglie dei 66 anni (che avrebbe compiuto il prossimo 30 maggio), dove si trovava ricoverato dal 26 dicembre scorso.

Ad aggravare le sue condizioni di salute, come spiegato dallo stesso portavoce nelle ore precedenti al decesso, una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario.

Potrebbe interessarti