Politica

Elisa Anzaldo, l’ultimo saluto a David Sassoli a nome di tutti i colleghi: “A noi lasci una lezione”

La giornalista ha dato l'ultimo saluto a David Sassoli a nome di tutti i colleghi giornalisti, non solo della Rai, ma anche dei giornali con i quali aveva collaborato.
Elisa Anzaldo, l'ultimo saluto a David Sassoli a nome di tutti i colleghi: "A noi lasci una lezione"

Finita la funzione sono iniziati i ricordi degli amici e dei colleghi di David Sassoli, Elisa Anzaldo, giornalista amica e collega del TG1 è stata la prima a prendere la parola, con un lungo e commosso elogio nel quale ha ricordato le virtù di Sassoli, i momenti di condivisione e gli insegnamenti.

Dopo di lei, durante i funerali di Stato, hanno parlato ancora amici e familiari di David Sassoli, seguiti dai figli Livia e Giulio e dalla moglie Alessandra.

Il ricordo di Elisa Anzaldo per David Sassoli

“Ciao David, cos’hai combinato” inizia così l’elogio di Elisa Anzaldo a nome di tutti i colleghi giornalisti per David Sassoli.

Un elogio che richiama le caratteristiche che i suoi colleghi apprezzavano e amavano: “Della mitezza, dei buoni modi, della virtù, della generosità (…) pare che tu le avessi tutte, avevamo l’impressione che tu avessi sbagliato epoca, con quelle virtù non ci saresti andato lontano… e invece hai sfondato muri di gomma, con la fermezza dell’educazione, con lo sfinimento del dialogo(…) con la dirompenza della tua mitezza. Il mite europeista ha titolato un giornale”.

“Un’ondata di affetto e di stima ci ha travolto e stravolto, ci ha fatto ricordare tantisismi momenti” ha raccontato ancora Elisa Anzaldo, ripercorrendo gli anni in Rai di Sassoli quando conduceba il TG1: “Arrivavi di corsa, ti rassettavi, mettevi la giacca e poi andavi in onda con le parole ‘Buonasera dal TG1’ autorevole ma con garbo”.

Ursula Von Der Leyen, Presidente della Commissione Europea, durante i funerali di Stato a David Sassoli

Il ricordo dell’amore di David Sassoli per la politica

Elisa Anzaldo ha ricordato poi l’amore di David Sassoli per la politica, e lui che ripeteva sempre l’importanza di agire: “Qualcosa comunque bisognava farla e poi l’hai fatta.

‘Il problema degli altri è il mio problema e per risolverli insieme c’è la politica’, dicevi”.

Infine il ricordo del periodo più duro della pandemia, quando tutto il mondo era in lockdown e Sassoli ha deciso di lasciare il Parlamento Europeo aperto: “Siamo stati così orgogliosi e così fieri di te, il nostro amico David apre il Parlamento Europeo a chi ha bisogno, ha fame. (…)C’è Il lockdown e lui tiene aperto il Parlamento Europeo per non far sentre sole le persone”.

“La terra David avrà il profumo del basilico, della menta e dei tuoi bellissimi fiori. A noi lasci una lezione Ciao David ti abbiamo voluto tanto bene”.

Potrebbe interessarti