Programmi TV

Susanna Galeazzi ricorda il padre Giampiero Galeazzi a Verissimo: “Mi ha sempre detto di sorridere”

Susanna Galeazzi, ospite di Verissimo, ricorda papà Giampiero a due mesi dalla sua morte. La giornalista svela il più prezioso insegnamento da lui ricevuto.
susanna-galeazzi-ricorda-giampiero-galeazzi-verissimo

A distanza di due mesi dalla dolorosa scomparsa di Giampiero Galeazzi, Verissimo lo ricorda con la figlia Susanna in studio. Ospite di Silvia Toffanin assieme ad alcune colleghe del TG5, la giornalista ricorda il padre e i preziosi consigli da lui ricevuti per inseguire la strada dell’informazione e del giornalismo. E, commossa, svela il più grande insegnamento che papà Giampiero ha voluto regalarle.

Susanna Galeazzi ricorda papà Giampiero: commozione a Verissimo

Verissimo celebra il 30° compleanno del TG5 accogliendo in studio tre giornaliste che ne hanno fatto e ne fanno tutt’ora parte: Simona Branchetti, Roberta Floris e Susanna Galeazzi.

Nel corso dell’intervista con Silvia Toffanin attimi di commozione quando la conduttrice, parlando con Susanna, ha voluto ricordare suo padre Giampiero Galeazzi venuto a mancare due mesi fa. Una perdita dolorosissima per tutto il mondo del giornalismo, di cui era stato autorevole interprete in qualità di giornalista e telecronista sportivo. E che ha lasciato un vuoto incolmabile nella vita di tutti, tra cui la figlia Susanna che da lui ha preso le orme diventando affermata giornalista.

Nello studio di Verissimo la giornalista ricorda il padre e i suoi consigli su come affrontare la strada del giornalismo: “Io ho avuto un grande maestro a casa, che mi ha dato pochi consigli perché ha sempre preferito farmi sbattere la testa sulle cose per farmi imparare più velocemente.

Mi ha lasciata libera, e ho imparato velocemente i segreti di questo mestiere“.

Susanna Galeazzi e l’insegnamento del padre: “Con il sorriso si vince tutto

Susanna Galeazzi ricorda papà Giampiero e il vuoto che ha lasciato, ma anche la forza che ha acquisito in questo difficile periodo: “Papà è mancato da due mesi, non è passato neanche un secondo perché non c’è mai un tempo, una regola, nulla per colmare un vuoto.

Però posso dirti che lo ritrovo in tutte le cose: nello sguardo di mia figlia, in una canzone, nel mio lavoro, nella grinta, nella passione. Da quando non c’è più mi accompagna un’incredibile forza, e credo sia tutto l’amore che dà un senso a quello che c’è dopo la vita, o almeno io ci spero“.

E, lasciando trasparire un velo di commozione, svela tra le lacrime il più prezioso insegnamento ricevuto dalla figura paterna: “Mi ha insegnato a non tradire mai me stessa, a essere spontanea, a respirare la vita come una commedia. Papà mi ha sempre detto di sorridere perché con il sorriso si vince tutto“.

 

Potrebbe interessarti