Vai al contenuto

“Vanessa Ballan era incinta del suo compagno”: la conferma dal test di paternità

Pubblicato: 19/01/2024 09:39

Il figlio che Vanessa Ballan portava in grembo quando è stata uccisa nella sua casa di Riese Pio X, in proviicia di Treviso, lo scorso 19 dicembre era del compagno, e padre del suo primo bambino, Nicola Scapinello, e non di Bujar Fandaj, l’uomo che è finito in carcere con l’accusa di averla accoltellata.
È quanto avrebbe accertato il test di paternità eseguito assieme all’autopsia sul corpo della donna, dall’anatomopatologo Antonello Cirnelli.
Leggi anche: Vanessa Ballan, i pm inchiodano il killer: “Assassinio premeditato”
Leggi anche: Vanessa Ballan: decise di denunciare dopo che Bujar la minacciò con un video. Ora spunta un altro uomo
Leggi anche: Vanessa Ballan, l’autopsia: prima picchiata e infine uccisa con 8 colpi, uno al cuore da parte a parte

Vanessa Ballan picchiata prima di essere uccisa

L’esame autoptico aveva stabilito che Vanessa Ballan è stata uccisa da otto coltellate, sei profonde e due superficiali; due fendenti hanno lesionato i polmoni mentre uno ha trapassato da parte a parte il cuore. Prima delle coltellate la vittima era stata picchiata al capo e al volto, e aveva cercato di difendersi con le mani. (Continua a leggere dopo la foto)

Era arrivata all’incirca alla dodicesima settimana di gestazione del bambino, come è stato accertato. “Sono stati nominati due consulenti tecnici. Dissipare i dubbi che possa essere il figlio dell’indagato – aveva spiegato qualche settimana fa il procuratore di Treviso Marco Martani, come aveva riportato Il Gazzettino -. È un particolare che nella dinamica ha la sua importanza e verrà chiarito. Non siamo in grado in questo momento di dire se lui sapesse o meno che lei era incinta. La notizia era uscita dall’ambito strettamente familiare perché era assente dal lavoro da qualche giorno per gravidanza a rischio”.
Leggi anche: Vanessa Ballan, i video che incastrano l’assassino: “È proprio lui”
Leggi anche: Omicidio Vanessa, Nicola è disperato: “Devo guardare avanti per il nostro bambino”

Fandaj, 41enne di origine kosovara, aveva avuto nei mesi scorsi una relazione clandestina con la vittima, la quale aveva deciso di denunciarlo per stalking in seguito alle minacce e agli insulti dell’uomo che non accettava la fine della loro storia.