manuel bortuzzo

Dopo giorno e giorni trascorsi in apprensione e con timore per la sua vita, di Manuel Bortuzzo arriva finalmente un’immagine serena. Sopravvissuto ad una sparatoria che avrebbe potuto ucciderlo, oggi la giovane promessa del nuoto è stato dimesso dall’ospedale e attraverso un video ha voluto ringraziare tutti coloro che sono stati in apprensione per lui.

Manuel Bortuzzo lascia il San Camillo

Nessuna rabbia e nessun rancore per il giovane campione del nuoto, il veneto Manuel Bortuzzo, colpito la sera del 3 febbraio da un colpo di pistola esploso da un’arma rubata. Si è temuto molto per il giovane che ha a lungo lottato tra la vita e la morte.

Dei suoi aggressori, alla luce della battaglia per la vita che lo vede impegnatissimo, non gli interessa. Suo pensiero è ora ricominciare da capo una vita che di per sé dovrà affrontare con delle difficoltà in più, degli ostacoli a livello motorio che non gli permetteranno di ricominciare là dove tutto aveva lasciato. “Rabbia verso di loro? No, non ne provo, non la meritano – aveva chiosato l’atleta – Sono già sfigati di loro a vivere in un ambiente del genere”. 

Leggi tutti gli articoli su Manuel Bortuzzo

Manuel riprende la sua battaglia partendo dalla riabilitazione

Il giovane dovrà convivere con una paralisi permanente agli arti inferiori che non gli permetterà non solo di vivere come prima ma di tornare il Manuel di sempre tra le vasche d’acqua.

Anche Bebe Vio, a cui Bortuzzo aveva voluto rivolgersi prendendola come esempio di sportiva capace di trasformare i punti deboli in punti di forza, ha voluto scendere in campo per lui: “Daje Manuel!!!“. Con tanta forza oggi Manuel se ne va dall’ospedale in cui ha riaperto gli occhi dopo l’incubo, il San Camillo. Da quest’oggi, il suo unico impegno in agenda sarà una serrata riabilitazione per recuperare quanto più possibile gli resta.

Sono appena arrivato in quello che sarà il mio nuovo campo di combattimento, il Santa Lucia di Roma, un centro riabilitativo dove rimarrò per un bel po’. Volevo ringraziare le persone fantastiche che lavorano al San Camillo – dice Manuel – La squadra e la federazione. Adesso sono qua e non vedo l’ora di dare tutto quello che ho per tornare tra di voi il prima possibile. Grazie di tutto l’affetto, mi fate sorridere. Adesso inizia l’allenamento!“.

manuel bortuzzo

Manuel Bortuzzo in un frame del video postato su Facebook poco dopo il trasferimento dal San Camillo