Fabio Fazio non abbandonerà la RAI

Come da contratto, Fabio Fazio non abbandonerà Che tempo che fa, o meglio la RAI. Il conduttore ci ha tenuto a chiarirlo durante lo sketch della sua spalla comica, Luciana Littizzetto. La questione della sua retribuzione giudicata troppo esosa resta aperta, tuttavia la pubblicità attirata dal programma sembrerebbe coprire il suo cachet.

Fabio Fazio resta in RAI

Durante lo sketch di Luciana Littizzetto, Fabio Fazio è intervenuto per mettere a tacere le voci circolanti su un suo presunto abbandono della RAI e, in particolare, del suo programma Che tempo che fa.

Fabio Fazio non abbandonerà la RAI

Fabio Fazio e Luciana Littizzetto a Che tempo che fa. Foto: Facebook Che tempo che fa

Il conduttore ha interrotto Luciana Littizzetto mentre la comica, riferendosi all’abbandono del ruolo di Capitan Findus dell’attore che lo impersonava, ha detto all’indirizzo di Fabio Fazio: “Per te è una bellissima notizia, perché vista l’aria che tira, s’è liberato il posto da capitano, l’occhio da merluzzo ce l’hai…“.

Immediata è stata la replica del presentatore che ha così interrotto il monologo: “Io sto qua due anni, non mi muovo. Non mi muovo, due anni“. Messaggio ricevuto, forte e chiaro.

In realtà, non c’è nulla di cui stupirsi: per contratto Fabio Fazio dovrebbe rimanere al timone di Che tempo che fa almeno fino alla stagione 2020-2021.

Se dovesse andare via prima, sarà la RAI a rimetterci perché dovrà versare una penale sancita proprio dal contratto stesso stipulato con il presentatore.

Gli attacchi per il cachet da capogiro

Fabio Fazio è diventato più volte bersaglio dei politici per il suo cachet. L’ultimo colpo incassato dal conduttore risale all’inizio di febbraio, dopo lo sgombero del Cara di Castelnuovo di Porto, in occasione del quale il presentatore aveva twittato definendolo una “prova di disumanità e incoerenza“. La replica del vicepremier Matteo Salvini non si era fatta attendere e se alle parole di Claudio Baglioni sui migranti aveva risposto un “Canta che ti passa“, a lui aveva rivolto un “Incassa che ti passa“.

Fabio Fazio non abbandonerà la RAI

Fabio Fazio al timone del suo programma Che tempo che fa

Ma non era la prima volta che l’ammontare del cachet di Fabio Fazio veniva attenzionato dal ministro, diventando un questione d’interesse nazionale. Contro di lui, a più riprese, si sono sollevate anche le voci di Di Battista e dell’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che aveva addirittura parlato del cachet del presentatore come di un “Caso Fazio” da inscrivere nella questione più ampia delle retribuzioni in RAI.

Il tetto massimo previsto per legge come compenso ai dipendenti della RAI è infatti di 240mila euro annui, ma pare che Fazio incassi per la sua trasmissione un compenso di 2,8 milioni di euro all’anno, ragione per cui il suo cachet era finito nel mirino dell’Anticorruzione a marzo dello scorso anno. Stando a quanto riferisce Adnkronos, all’orizzonte per Fabio Fazio ci potrebbe esssere un incontro con l’amministratore delegato della RAI Fabrizio Salini, che ha annunciato di voler dare avvio a un adeguamento dei costi degli impiegati della TV pubblica e che quasi certamente coinvolgerà anche il conduttore.