primo piano marco vannini

Doveva essere di 14 anni la pena ma in Appello la condanna ad Antonio Ciontoli è stata ridotta a 5 anni. Una decisione maturata nel corso dell’ultima udienza del processo d’appello per la morte di Marco Vannini il 29 gennaio scorso. Invariata invece, rispetto alla sentenza emessa in primo grado, la pena per il resto della famiglia Ciontoli – 3 anni di carcere – composta da Martina, Federico e dalla madre Maria Pezzillo. Proprio i Ciontoli hanno presentato una domanda di ricorso contro le condanne emesse in Appello alla Cassazione.

Omicidio Vannini, la sentenza d’Appello

Una sentenza, quella della Corte d’Appello che decise di diminuire la pena ad Antonio Ciontoli derubricando il reato da omicidio volontario ad omicidio colposo, aveva fatto adirare i familiari del giovane deceduto Marco Vannini nonché infiammato l’opinione pubblica.

All’indomani dalla sentenza, la rabbia della famiglia era esplosa attraverso parole insite di dolore: “È stata una pugnalata alle spalle“, aveva chiosato la madre di Marco Vannini.

Leggi tutti gli articoli sulla morte di Marco Vannini

Anche Antonio Ciontoli chiede l’annullamento della sentenza

All’indomani da asprissime polemiche che hanno nuovamente coinvolto i Ciontoli, dichiaratamente difesi nel corso del programma Un giorno in pretura, la famiglia ha deciso di presentare ricorso in Cassazione per chiedere l’annullamento della sentenza emessa contro di loro in secondo grado.

Una decisione che ha nuovamente turbato la famiglia di Vannini, già particolarmente provata per il decorso del processo e che oggi deve fare i conti con un prevedibile ricorso e in parte anche una sorpresa. Per quanto riguarda la madre di Martina e Federico Ciontoli, Maria Pezzillo, la famiglia Vannini poteva aspettarsi il ricorso in Cassazione così come lo si poteva immaginare per i due figli di Ciontoli.

La novità che certo lascia interdetti e ribollire la rabbia ai Vannini è la richiesta di ricorso da parte degli avvocati di Antonio Ciontoli, già protagonista di un considerevole sconto di pena.

La rabbia del padre: “Una vergogna

Esemplari le parole rilasciate dal padre di Marco Vannini in esclusiva a Il Messaggero: “Una vergogna. Pensavamo che gli avvocati si appellassero alla Cassazione per i 3 familiari, ma non per Antonio Ciontoli. Non sappiamo più cosa dire, davvero“.

Ma gli avvocati di Antonio Ciontoli è forte la possibilità che la sentenza d’Appello che lo condanna a 5 anni di pena, possa essere annulla perché “fortemente viziata“. marco vannini