ospedale santobono napoli

La piccola Noemi, la bimba di 4 anni ferita in una sparatoria che ha avuto luogo a Napoli, lo scorso venerdì, lotta ancora per la vita. Anche se pare che ci siano dei piccoli segnali positivi la prognosi resta riservata, la bimba è ancora in coma farmacologico, in gravi condizioni.

La piccola Noemi resta grave

Purtroppo, le condizioni della piccola Noemi non sono ancora migliorate, nonostante le due operazioni subìte. La bambina è stata raggiunta da un proiettile vagante durante un agguato camorristico che ha avuto luogo in Piazza Nazionale, a Napoli.

Secondo l’ultimo bollettino medico diffuso dall’ospedale pediatrico Santobono di Napoli in cui è ricoverata la bambina, la piccola sarebbe ancora grave. In particolare, le condizioni del polmone sinistro sembrano essere ancora preoccupanti. Stamattina, la bambina è stata sottoposta a diversi esami tra cui “una broncoscopia al polmone sinistro per disostruire i bronchi dai coaguli“. Il proiettile che l’ha raggiunta l’ha infatti colpita proprio al polmone sinistro perforandolo. La piccola è stata anche sottoposta a una Tac polmonare dalla quale è emersa “una buona funzionalità del polmone destro, mentre permangono le criticità a quello sinistro“.

La piccola Noemi resta ancora in coma farmacologico.

Le mobilitazioni per la piccola Noemi

Per la piccola Noemi in tantissimi si sono mobilitati nei giorni scorsi. L’obiettivo delle mobilitazioni è stato quello di esprimere un messaggio di sostegno per i famigliari e per protestare contro la Camorrra. Tra chi ha espresso sostegno alla famiglia di Noemi, ci sono anche i genitori di Annalisa Durante, che hanno voluto mandare un messaggio di vicinanza alla piccola e alla sua famiglia. Annalisa Durante era appena adolescente quando è stata uccisa a Forcella durante una sparatoria di matrice mafiosa, simile a quella in cui è rimasta ferita Noemi, nel 2004.

Ieri, i genitori della bimba di 4 anni in coma farmacologico hanno ricevuto la visita del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La situazione di Noemi resta dunque difficile, non resta che sperare che le sue condizioni di salute migliorino nei prossimi giorni. Intanto si cerca ancora l’uomo che ha sparato, ripreso in un video, il suo obiettivo era uccidere il pregiudicato Salvatore Nuccaro.