speranza e le 3 donne che hanno scoperto il coronavirus

Un successo tutto italiano incorniciato da un positivo epilogo: Francesca Colavita, una delle 3 ricercatrici che hanno isolato il nuovo Coronavirus, assunta dallo Spallanzani. La notizia rimbalza tra le cronache, dopo il suo straordinario contributo, da precaria, alla ricerca condotta sul virus killer insieme alle colleghe Maria Rosaria Capobianchi e Concetta Castilletti. Pochi giorni dopo il grande risultato in laboratorio, Colavita aveva così commentato ai microfoni di Repubblica: “L’Italia deve dare più dignità ai ricercatori“.

Francesca Colavita, precaria assunta allo Spallanzani

Francesca Colavita, Maria Rosaria Capobianchi e Concetta Castilletti sono le 3 ricercatrici che hanno isolato il nuovo Coronavirus allo Spallanzani di Roma, permettendo così alla comunità scientifica internazionale di avviarsi al vero faccia a faccia con il ‘killer’ che tiene in scacco la Cina e l’intero pianeta.

Per la prima, 30 anni e da circa 4 in servizio come precaria all’Istituto Nazionale Malattie Infettive della Capitale, stavolta sarebbe arrivata una bella notizia: come riporta Tgcom24, lo Spallanzani avrebbe ottenuto il via libera per l’assunzione.

L’Istituto avrebbe ottenuto il nulla osta dall’Azienda sanitaria regionale del Molise per quanto concerne la possibilità di attingere alla graduatoria vincitori e idonei al concorso pubblico per la copertura di un posto di dirigente Biologo della disciplina di Microbiologia e Virologia, che la vedrebbe al 17° posto.

L’Istituto avrebbe così motivato la richiesta, secondo quanto riporta Ansa: “In considerazione della vocazione per la ricerca piuttosto che per l’assistenza, nonché per la lodevole attività professionale che ha assicurato nell’ambito dell’emergenza sanitaria attuale di rilevanza nazionale e internazionale“.

Chi è Francesca Colavita

Il successo italiano nella ricerca sul nuovo Coronavirus (Covid-19, sigla che sintetizza i termini Corona-Virus-Disease e l’anno di identificazione, 2019) è stato firmato lo scorso 2 febbraio proprio allo Spallanzani, con una ricerca condotta dalle 3 dottoresse che, prime in tutto il mondo, lo hanno isolato a poche ore dal contagio di una coppia di turisti cinesi in vacanza in Italia.

Originaria di Campobasso, Francesca Colavita fa parte di questo straordinario team al femminile coordinato da Maria Rosaria Capobianchi e Concetta Castilletti e lavora da circa 4 anni presso l’Istituto.

Allo Spallanzani, secondo quanto si legge su Repubblica, aveva un contratto di collaborazione per il laboratorio di Virologia e Biosicurezza.

Sono stati salti di gioia“, questo il primo commento delle ricercatrici dopo l’esito positivo della loro ricerca.

Approfondisci

Tutto sul nuovo Coronavirus

Coronavirus e altre epidemie che hanno segnato la storia

Coronavirus: sintomi, contagio, prevenzione e cura