asia argento in primo piano

Asia Argento, donna da sempre nel vortice di luci e ombre, si è raccontata nel salotto di Caterina Balivo. Le sue fragilità messe a nudo durante un’intervista che ha toccato i tasti più sensibili dei suoi ricordi. Dall’infanzia all’amore per il compagno Anthony Bourdain, fino al caso Weinstein e alla recente delusione a Pechino Express.

Un’infanzia solitaria e un dolore d’amore che brucia ancora

Asia Argento ha riportato la mente alla sua infanzia. Nelle puntata di Vieni da me del 9 marzo ha così raccontato: La lettura è la mia infanzia.

Era la mia compagna, i libri erano i miei migliori amici, riempivano le mie giornate. Mi hanno formato. Ho letto Moby Dick a 5 anni, era un modo per attirare l’attenzione dei miei genitori“. Il profumo della carta, sostituiva il profumo della pelle materna.

Il cuore di Asia Argento ha di nuovo palpitato al nome del suo compagno Anthony Bourdain, morto suicida. “Che cosa assurda. Ha deciso di interrompere la sua vita – ha rivelato – Io ci avevo parlato la sera prima, lui non aveva mai dato segni di depressione”.

Il legame che la teneva stretta a lui non si è allentato. “Non ho più avuto nessuno da quando Anthony non c’è piùha dichiarato – Mi è mancata proprio la terra sotto i piedi e non capirò mai. Non lo saprò mai che cosa è successo e cosa portava nel cuore di così atroce. Mi manca“.

Sul caso Weinstein

Poche parole sul flirt avuto con Fabrizio Corona. Asia Argento si è riferita a lui con i termini “mattacchione” e “grande affabulatore” sottolineando che è stata una storia fulminea, durata 3 giorni.

Qualche parola in più invece c’è stata sul caso Weinstein che lo ha giudicato colpevole.

Tempi addietro aveva infatti suscitato grande scalpore la denuncia di Asia Argento al regista. “Mi sento una sopravvissuta non una vittima. Ho pianto, mi sentivo fuori di me e avevo un misto di emozioni – ha dichiarato – Alla fine, insieme a una mia amica, anche lei vittima, siamo andate a brindare”.

La cocente delusione per l’uscita da Pechino Express

La frattura al ginocchio l’ha fatta uscire da Pechino Express recentemente. Il grave infortunio ha destabilizzato Asia Argento, fin da subito amareggiata al pensiero di abbandonare la gara e la compagna Vera Gemma.

Se non mi fossi fatta male sarei arrivata fino alla fine. Non so se avrei vinto, ma sicuramente sarei arrivata fino alla fine – ha affermato – Era quella la mia intenzione“. Per Asia la partecipazione al programma ha comportato 5 mesi di allenamento. “Da quando mi hanno chiesto di fare la trasmissione io, che già mi allenavo, ho iniziato ad allenarmi ancora di più – ha rivelato – E poi, però, sono stata 50 giorni a letto per l’infortunio“.

Approfondisci

Tutto su Vieni da Me

Loredana Errore pronta a ricominciare dopo l’incidente: “Viva la vita”

Vieni da me, Alessandra Mussolini: il commosso ricordo del padre