Il Governatore Vincenzo De Luca

In una lunga diretta il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha fatto il punto sull’emergenza Coronavirus nella sua Regione. Nelle scorse settimane l’amministrazione campana ha preso numerosi e drastici provvedimenti, spesso conditi da frasi estreme dette dallo stesso De Luca, ma ne rivendica la necessità. Inoltre, annuncia che la Regione è pronta a chiudere i confini qualora altre Regioni dovessero avere nuove impennate di contagi.

L’operato di De Luca avrebbe salvato la Campania

Parole e musiche di Vincenzo De Luca, presidente della Regione riconosciuto soprattutto per la sua dura e arcigna schiettezza.

Pane al pane, come si suol dire. Nelle scorse settimane le sue dichiarazioni sull’uso del lanciafiamme contro i trasgressori hanno fatto il giro del mondo, ma forse questa condotta “severa” ha pagato. La Campania ha registrato meno di 300 morti fino ad ora.

Devo dire con estrema convinzione che noi abbiamo salvato la Campania” ha dichiarato De Luca su Facebook. Poi ha continuato: “L’abbiamo salvata avendo assunto decisioni in qualche caso due settimane prima del Governo nazionale“. Il Governatore ha poi sottolineato come la sua Regione avrebbe un tasso di morti tra i più bassi d’Italia, assieme alla Basilicata.

La Regione è pronta a chiudere i confini

Stanno facendo però molto scalpore le parole di De Luca rispetto al futuro delle misure nella sua Regione in riferimento alla possibile Fase 2 che il Paese potrebbe intraprendere a breve. “Il pericolo – dichiara – è che se una Regione d’Italia accelera in maniera non responsabile e non coerente coi dati del contagio, rischia di rovinare l’Italia intera“.

Per questo, aggiunge: “Se dovesse esserci una corsa in avanti da parte di Regioni che hanno un contagio ancora così forte, la Campania chiuderà i suoi confini“.

Non una provvedimento immediato, quindi, va sottolineato, ma una dichiarazione fortissima: “Vieteremo l’ingresso in Campania di cittadini provenienti da Regioni nelle quali il contagio è in corso“.

Inutile riaprire per poi richiudere

Il motivo dietro queste dichiarazioni è dare seguito a quelli che per De Luca sono buoni risultati: “Abbiamo fatto un miracolo a contenere l’onda di contagio che si è diffusa al Sud“, dichiara riferendosi all’esodo dalle Regioni del Nord di qualche settimana fa.

Per De Luca la questione da affrontare è la seguente: “Dobbiamo avere un punto di equilibrio tra necessità di ripresa e di salvare l’Italia“.

Questo perchè, dichiara, “Possiamo anche fare la corsa a riaprire tutto, ma la cosa più drammatica sarebbe riaprire le attività economiche in maniera indifferenziata e poi dopo 2 settimane, il tempo di sviluppo del contagio), essere costretti a richiudere tutto“. Una prospettiva che sarebbe catastrofica, per De Luca:In questo caso non reggeremmo più e crollerebbe l’Italia“.

Guarda il video

Coronavirus: il punto della situazione

🔴 #CORONAVIRUS: facciamo il punto su tutte le iniziative che stiamo mettendo in campo per fronteggiare l'emergenza ed entrare nella Fase 2.

Pubblicato da Vincenzo De Luca su Venerdì 17 aprile 2020

Approfondisci

TUTTE le notizie sul Coronavirus

Coronavirus, la fase 2 in Italia: “La zona rossa ritornerà”