Silvia Romano con velo alla finestra di casa

A quasi una settimana dal suo ritorno, non accenna a placarsi l’interesse mediatico (e ora giudiziario) nei confronti di Silvia Romano, la cooperante liberata dopo 18 mesi di prigionia. Dopo le prime parole dalla sua liberazione, ora la Romano ha espresso un pensiero per i musulmani in Italia, commentando un video di saluti a lei rivolti.

L’emozione per il video-saluto a Silvia Romano

Anche questo, purtroppo, sarà un altro motivo di attacco sui social da parte di coloro che hanno espresso beceri insulti e minacce di morte contro Silvia Romano.

La questione è diventata ancora più grave, dopo che nei giorni scorsi sono state scagliate delle bottiglie di vetro contro la finestra della casa di famiglia, a Casoretto. Tra i motivi per cui la cooperante, che ora si fa chiamare Aisha, viene pesantemente attaccata, c’è anche un certo malsano sentimento di islamofobia. Molti la criticano in modo indegno per essersi convertita all’Islam, scelta che la Romano ha dichiarato essere stata volontaria.

Dall’altra parte, però, c’è chi l’ha riaccolta a braccia aperta. Famiglia, concittadini, esponenti cattolici ma anche la comunità islamica italiana.

In un video realizzato dal canale La Luce, sono stati raccolti numerosi video saluti da appartenenti alla religione musulmana. Bambini che le augurano “tutto il bene che possa succedere a una persona“, adulti che la salutano come fratelli maggiori. Sono decine i contributi da parte dei fedeli musulmani in tutta Italia e tutti hanno un messaggio semplice per lei: “Bentornata, Silvia“.

Guarda il video

💡🔥La giovane cooperante Silvia Romano è tornata domenica in Italia dopo aver vissuto la drammatica esperienza del sequestro in Somalia per 18 mesi per mano del gruppo estremista armato Al Shabab. Il suo ritorno all’Islam le ha attirato non solo critiche ma veri e propri attacchi carichi d’odio e violenza, escalation che ha portato a minacce e ad un inquietante episodio di aggressione nei suoi confronti. ⬇️🎥 I musulmani italiani hanno voluto perciò testimoniare a Silvia tutto il loro affetto, tutta la loro vicinanza e solidarietà con questo video.

Pubblicato da La Luce su Giovedì 14 maggio 2020

Il messaggio di Silvia ai musulmani italiani

Il post è stato commentato dalla stessa Silvia Romano, rientrata pochi giorni fa nella sua casa a Milano.

I suoi canali social erano stati chiusi dopo gli insulti che hanno portato anche ad un’indagine per minacce aggravate, ma a quanto pare sono stati riaperti. Nel messaggio sotto il video, Silvia scrive: “assalamualaikum wa rahmatullahi a tutti voi che Allah vi benedica per tutto questo affetto che mi state dimostrando“.

La prima frase è una forma di saluto propria della cultura islamica, con un significato profondo traducibile con “Che la pace sia con voi“. Il messaggio poi prosegue: “È bellissimo questo video, è un emozione grande. Ciao fratelli! A presto in sha Aallah!

“. Le ultime parole, significano semplicemente “se Dio vuole” ed è un’altra tipica espressione musulmana.

Il commento di Silvia Romano su Facebook
Il commento di Silvia Romano su Facebook

Perquisita la sede della onlus Africa Milele

Se Silvia Romano può concentrarsi su un messaggio positivo come quello della comunità islamica, nel frattempo proseguono le indagini per far luce sulla sua vicenda. Non solo la questione degli insulti e le minacce di morte, ma anche le cause del suo rapimento. Numerose fonti riportano che oggi i Ros (Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri) hanno perquisito la sede di Africa Milele a Fano, la onlus con la quale Silvia Romano era in Kenya, a fine 2018.

Nei giorni scorsi la madre aveva preferito non rilasciate commenti a tal proposito, lasciando che sia la giustizia a lavorare. La Procura di Roma, riferiscono le fonti, avrebbe preso documenti e materiale informatico che possa aiutare a capire se ci siano state responsabilità nel rapimento di Silvia o Aisha da parte di al-Shabab.

Approfondisci

Chi è Silvia Romano: la cooperante italiana che aiuta i bambini

Silvia Romano: chi era Aisha, la sposa di Maometto di cui ha scelto il nome

Che cos’è la Sindrome di Stoccolma: cause, sintomi e durata