Albano Carrisi e la figlia Jasmine

Periodo sotto i riflettori per Jasmine Carrisi, la più giovane dei figli di Al Bano che di recente ha fatto parlare di sé per più motivi. Alcuni sono di cuore, grazie alla relazione resa pubblica da alcuni scatti; altri lavorativi, con la decisione del padre di renderla parte dell’azienda di famiglia; altri ancora, hanno a che fare con la voglia della giovane di sfondare nello stesso campo del padre: la musica. Proprio a tal proposito, Jasmine ha rivelato perché non abbia usato il cognome Carrisi per il suo debutto.

Il primo singolo di Jasmine Carrisi

La notizia è di qualche settimana fa: Jasmine Carrisi ha pubblicato un singolo dal titolo “Ego, che segna di fatto il suo debutto nella scena musicale.

Inevitabile che sia stato dato molto risalto al gesto: niente come un passaggio di testimone tra padre e figli alimenta le pagine del gossip e la fantasia dei fan. A proposito del suo primo singolo, Al Bano l’ha commentato dichiarando che la figlia abbia le carte in regola per farcela: “Quella è una che sa già tutto, sono io che devo chiedere consigli a lei ” ha detto.

Un dettaglio però non è passato inosservato: il brano, di cui è stato pubblicato anche il video, è firmato solo Jasmine, senza il cognome Carrisi.

Guarda il video

Il singolo Ego di Jasmine

Jasmine rinuncia al cognome: il motivo

Il primo singolo di Jasmine ha superato le 130.000 visualizzazioni e sta attirando l’attenzione della stampa, senza dubbio perchè c’è molta curiosità attorno all’ultima figlia di Al Bano, avuta con Loredana Lecciso nel 2001. La giovane, tuttavia, sembra essere andata in senso contrario: in un’intervista a Gente, riportata da siti del settore, Jasmine ha dichiarato di aver rinunciato al cognome proprio per staccarsi da questa pesante eredità.

Mi presento come Jasmine e basta, non c’è il cognome Carrisi. Anche papà mi aveva consigliato di non puntare sul cognome” avrebbe detto la giovane, rivelando di avere anche l’appoggio paterno su questa scelta. Il peso del cognome può essere croce e delizia, benedizione o maledizione: ne sanno qualcosa i tanti figli d’arte, da Alessandro Gassmann (e anche suo figlio Leo) o anche ad Andrea Morricone, grandi professionisti che tuttavia han sempre dovuto fare i conti con il successo dei padri.

Una strada che Jasmine sta provando ad evitare: uscire dall’ala paterna per spiccare il volo per conto proprio.

Approfondisci

Jasmine Carrisi diventa cantante: il commento dei genitori Al Bano e Loredana