coronavirus

Mancano ormai pochissime ore all’entrata dell’Italia nella “zona rossa”, una sorta di lockdown non ufficializzato e nazionale, unica via percorribile in vista delle Feste per fugare la possibilità che proprio Natale e Capodanno diventino un’occasione per la proliferazione incontrollata del virus. Rivisti gli orari degli esercizi, la ristorazione riprende col solo servizio d’asporto e anche gli spostamenti subiranno notevoli restrizioni, autorizzati poi solo per “comprovati motivi” attraverso apposito modulo di autocertificazione.

Tante le odierne novità sul virus: dalla “variante inglese”, non più pericolosa ma più contagiosa, alla partenza dal Belgio di un camion con a bordo i vaccini destinatati all’Italia.

Tutti gli aggiornamenti sull’emergenza Covid-19 in Italia.

Coronavirus: il bollettino di oggi, 23 dicembre

Sono 14.522 i nuovi casi positivi al Covid-19 in Italia, un numero che porta il totale a quota 1.991.278, il numero totale delle persone che in Italia in questo 2020 hanno contratto il virus. Un numero all’interno del quale si rintraccia un altro numero di persone guarite: 1.322.06 i guariti in tutto, 20.494 registrati nelle ultime 24 ore. 598.816 le persone attualmente positive al virus in Italia, 571.646 di queste in isolamento domiciliare.

Calano in numeri all’interno degli ospedali: 24.546 le persone attualmente positive e ricoverate in ospedale con sintomi, 402 ricoveri in meno rispetto a ieri. 63 casi in meno invece i ricoveri in terapia intensiva rispetto a ieri per un totale di 2.624 ricoveri in tutto. Si aggrava purtroppo il bilancio delle vittime che con oggi ha toccato tristemente quota 70mila: 70.395 le vittime in Italia per il Covid-19 dallo scoppio della pandemia, 553 i decessi registrati oggi.

La “variante inglese”: un caso nelle Marche

Si continua a studiare a livello globale quella che è stata ribattezzata “variante inglese”, una mutazione del virus che ha iniziato a proliferare insistentemente nel Regno Unito dove ha iniziato ad essere individuata e studiata.

L’OMS pone le mani avanti chiarendo come questa variante non sia più pericolosa di quella già nota ma constatando l’effettiva accresciuta capacità di contagio: secondo quanto emerso sinora infatti, la “variante inglese” si diffonderebbe ancor più velocemente tra le persone, soprattutto tra i giovani e tra i bambini. Anche in Italia sono stati isolati alcuni casi di “variante inglese”: secondo quanto emerso sinora sarebbe stato registrato un caso a Loreto, all’interno di una famiglia composta da 3 persone.

Un caso nelle Marche dunque che si aggiunge a quello asintomatico registrato a Roma.

Vaccini: in arrivo le prime dosi in Italia il 26 dicembre

Partiti dal Belgio i primi camion con a bordo i vaccini contro il Covid-19, il Pfizer-Biontech che nella giornata di ieri ha ricevuto il via libera dell’Aifa dopo averlo ricevuto dall’Ema. Le prime dosi arriveranno in Italia il 26 dicembre.

Approfondisci

TUTTO sul CORONAVIRUS

Covid 19: il vaccino funziona sul nuovo ceppo?

Il parere degli esperti

Natale, spostamenti tra regioni e divieti: le risposte del Governo