Marco Vannini, l'annuncio della madre Marina a Mattino Cinque:

Il 3 maggio del 2021 la quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha messo la parola fine ad uno dei casi di cronaca nera più discussi e dibattuti in Italia: l’omicidio del giovane Marco Vannini, avvenuto nella notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015. La sentenza che ha confermato le condanne alla famiglia Ciontoli è stata appresa con un lungo applauso in aula e con le parole rilasciate successivamente dai genitori di Vannini, Valerio e Marina.

Intervenuta questa mattina a Mattino Cinque in collegamento con Federica Panicucci, la madre di Marco Vannini ha dato annuncio di voler ora fondare un’associazione dedicata a suo figlio Marco.

Marco Vannini: la sentenza della Cassazione e la condanna dei Ciontoli

Ci siamo battuti per 6 anni, la paura c’è sempre ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Ora giustizia è stata fatta“, sono state le prime parole di Marina Conte, la madre di Marco Vannini che insieme al marito Valerio ha commentato a caldo la sentenza emessa il 3 maggio scorso dalla Corte Suprema e che ha confermato le condanne che erano già state inflitte ai componenti della famiglia Ciontoli con la sentenza della Corte d’Appello bis risalente al settembre scorso. Simbolico, dopo la lettura della sentenza, la decisione dei genitori di Marco Vannini di recarsi al cimitero di Cerveteri per portare il mazzo di fiori sulla tomba del figlio, gesto che gli avevano promesso sarebbe avvenuto solamente quando Marco avrebbe avuto giustizia.

La mamma di Marco Vannini a Mattino Cinque: “Apriremo un’associazione per Marco

In questa tragedia non ci sono vincitori ma solo vinti ed il primo è proprio Marco“, aveva sempre commentato la madre all’Ansa attraverso il legale della famiglia. Ospite quest’oggi di Federica Panicucci in quel di Mattino Cinque, la madre di Marco Vannini ha dato notizia di volersi ora dedicare alla fondazione di un’associazione che porti il nome del figlio Marco, a lui dedicata, e che possa essere un punto di riferimento per tutti i giovani.

Marco è sempre vivo e continuerà ad esserlo. Io e Valerio sicuramente adesso in questo momento vogliamo riposarci ma poi apriremo un’associazione per Marco – ha dichiarato la madre di Vannini – cercheremo di aiutare i giovani a realizzare i loro sogni nel cassetto come quelli che aveva Marco. [..] Sognava di volare con le frecce tricolore, sono sicura che oggi ci sarebbe riuscito“.