Chi è

Anna Foglietta: chi è l’attrice che interpreta la mamma di Alfredino nella nuova serie che racconta la tragedia

Scorpi su The Social Post la carriera e la vita privata di Anna Foglietta che vedremo tra poco su Sky nei panni della mamma di Alfredino Rampi.
anna foglietta

L’attrice romana figura come protagonista nel cast della nuova miniserie tv Sky che racconta il dramma di Alfredo Rampi, avvenuto ormai 40 anni fa ma rimasto impresso nella memoria collettiva. Anna Foglietta interpreta la madre del piccolo Alfredino e porterà sul piccolo schermo tutta l’apprensione ed il dolore di una donna colpita da una disgrazia come quella. L’attrice, del resto, è una delle più apprezzate nel panorama italiana e ottiene moltissimi ruoli carichi di significato.

Anna Foglietta: dagli inizi nel piccolo schermo al successo al cinema

Anna Foglietta è un’attrice italiana nata a Roma il 3 aprile del 1979 da una famiglia di origini napoletane.

Dopo aver conseguito la maturità classica, inizia a muovere i primi passi inseguendo la sua grande passione: la recitazione.

Debutta sul piccolo schermo con la fiction andata in onda su Rai3 dal titolo La Squadra, che la vede impegnata per 3 anni dal 2005 al 2007. Nel 2008 sbarca in Mediaset dove prende parte alla serie tv Distretto di Polizia di Canale 5, nei panni di una ispettrice. Parallelamente all’attività per le fiction inizia a prendere parte a svariati progetti cinematografici che la portano in sala con diversi film prima di raggiungere la grande fama.

A cavallo degli anni ’10 prende parte a diverse pellicole di successo che la vedono protagonista di acclamate commedie italiane come Nessuno mi può giudicare (2011), Tutta colpa di Freud ( 2012), Noi e la Giulia (2015). Ma il grande successo di pubblico arriva nel 2016 quando prende parte come co-protagonista ad uno dei progetti italiani più interessanti ed apprezzati degli ultimi decenni come Perfetti Sconosciuti, film di Paolo Genovese che mette in luce alcuni aspetti nascosti dell’essere umano e delle sue relazioni.

Dopo il 2016 di fa notare anche in televisione per la conduzione del DopoFestival nel 2019 con l’amico e collega Rocco Papaleo, con il quale figura anche nell’ultima commedia di Carlo Verdone dal titolo Si vive una volta sola. Veste i pani di Nilde Iotti nell’apprezzato film biografico Storia di Nilde, che racconta la vita della prima donna che divenne Presidente della Camera dei Deputatati nella storia della Repubblica Italiana.

Durante la sua carriera Anna Foglietta si è fatta dunque apprezzare per una versatilità e poliedricità che l’hanno fatta passare da note drammatiche a comiche con maestri, andando anche ad interpretare gli accenti più impensabili come quando ha preso parte alla fiction di Rai1 La mafia uccide solo d’estate ambientata in Sicilia dove interpreta la madre del protagonista.

I fan potranno vederla tra poco sugli schermi di Sky prendere parte come protagonista della miniserie Alfredino – Una storia italiana che racconterà, in occasione dei 40 anni della tragedia, la vicenda che scosse l’Italia intera e portò alla nascita della Protezione Civile.

La vita privata di Anna Foglietta: dalla sua famiglia all’impegno per il sociale

Di Anna Foglietta sappiamo che è felicemente sposata dal 2010 con Paolo Sopranzetti, che lavoro nel mondo della finanza.

La coppia ha avuto 3 figli: Lorenzo, Nora e Giulio. Nel novembre del 2019 aveva racconta che l’emergenza sanitaria aveva colpito la sua famiglia da vicino: la sua piccola secondogenita, di appena 7 anni, era risultata positiva al Covid-19. “Per fortuna non aveva sintomi e non ci sono state ricadute su di noi, però il periodo è terribile – aveva raccontato l’attrice a La Repubblica – e sento tutto il peso e la stanchezza di quel che stiamo vivendo“.

E ancora: “La nuova ondata il Covid te lo porta in casa, mi destabilizza vedere i bambini con la mascherina, la paranoia costante di lavarsi le mani, non poter socializzare, uscire, progettare, sta diventando insopportabile – confessa l’attrice – E anche se cerchi di relativizzare (l’80% del mondo vive in condizioni molto più gravi delle nostre) è comunque dura. Siamo in 5, i bimbi hanno 9, 7 e 6 anni… sparecchiano, si vestono, si fanno il letto, ma sono piccoli. Questa situazione è tosta“, aveva raccontato.

Anna Foglietta e l’amore per il marito

Da Caterina Balivo a Vieni da me, l’attrice aveva raccontato qualcosa di più sulla sia vita privata: “Ho incontrato mio marito su Facebook“, aveva rivelato, “o meglio, lui mi ha scritto, eravamo stati compagni di scuola e mi ha svelato che già dai tempi del liceo pensava che potessi essere la donna della sua vita. Gli ho chiesto subito un incontro, era tutto perfetto. Ci siamo frequentati per 9 mesi, poi ci siamo sposati“.

Non solo il matrimonio, però, con la conduttrice Rai aveva anche parlato del suo ruolo di madre: “Io sono una mamma completamente diversa dalla mia, lei era troppo devota al sacrificio. Io credo che diventi ricattatorio, non è sempre un bene. Io credo nei sacrifici su se stessi, così i figli hanno una mamma felice“. Nel rapporto con i figli è entrata anche la psicoterapia: “È meravigliosa. Mi è servita tanto per capire che mamma stavo diventando e quale mamma volevo essere. Ho fatto delle piccole modifiche che mi hanno aiutato ad essere felice con loro. Tutte le scelte fatte con grande consapevolezza, senza recriminare niente“.

Anna Foglietta è inoltre da tanto tempo impegnata nel sociale, come dimostrano spesso i contenuti che condivide sui suoi social. Il suo impegno si concentra sull’aiutare i bambini in difficoltà tanto che è anche diventata presidente di una associazione che ne tutela i diritti: Every Child is my child, per la quale ultimamente ha prestato il volto per uno spot televisivo.

Potrebbe interessarti