Cronaca Italia

Fabrizio Corona assolto nel processo contro Selvaggia Lucarelli: “Vuole il mio corpo” non è diffamazione

Fabrizio Corona non ha commesso reato nei confronti di Selvaggia Lucarelli: per il giudice di Milano dire "Vuole il mio corpo" non è stata diffamazione
fabrizio corona e selvaggia lucarelli

Fabrizio Corona è stato assolto: il controverso fotografo è riuscito a spuntarla nel processo che lo vedeva accusato di diffamazione dalla giornalista e giudice di Ballando con le Stelle Selvaggia Lucarelli. I fatti risalgono al 2018 e ad alcune frasi che Corona ha pronunciato a Non è L’Arena: per i giudici, però, quelle parole non costituiscono reato.

Fabrizio Corona denunciato da Selvaggia Lucarelli: arriva la sentenza

Per il giudice di Milano Daniela Clemente, Fabrizio Corona non ha commesso reato nei confronti di Selvaggia Lucarelli.

La giornalista lo ha accusato di diffamazione nel 2018 per alcune dichiarazioni rese nel programma di Massimo Giletti, cui sono seguiti anche due post Instagram in cui Corona ribadiva il concetto. Il paparazzo – che solo un mese fa ha evaso i domiciliari – aveva detto: “Penso che abbia accanimento e frustrazione contro di me e anche un po’ di gelosia perché non ci sono mai stato, sono anni e anni che vuole il mio corpo e io non glielo do“.

Sui social, poi aveva aggiunto che la Lucarelli sarebbe stata ossessionata da lui.

La giornalista ha optato per una denuncia per diffamazione, ma è stata poi la stessa vice procuratore onorario a chiedere l’assoluzione di Fabrizio Corona. Il fatto non costituirebbe reato perché il fotografo avrebbe risposto ad una critica.

Fabrizio Corona assolto: non ha diffamato Selvaggia Lucarelli

Contro la Lucarelli si è espresso l’avvocato di Corona, Ivano Chiesa, sostenendo che c’è un limite alla critica “ed è il rispetto della dignità degli altri. Se fai l’odiatrice preparati che un giorno qualcuno ti dice basta“. Il diretto interessato, riporta Adnkronos, avrebbe rilasciato alcune dichiarazioni spontanee riguardo questo tipo di processi, che “non possono intasare le aule dei tribunali, io conosco la legge e in queste aule ho rischiato anni e anni di vita”.

Di tutt’altro avviso invece l’avvocato della Lucarelli, Gian Filippo Schiaffino: “Accanimento e frustrazione un’offesa di natura sessista“, motivo per cui l’elemento della diffamazione sarebbe oggettivo.

Per la giornalista e blogger niente da fare quindi. Poche settimane fa un’altra causa simile con Alba Parietti si è conclusa in un nulla di fatto. Tutto da vedere invece per quanto riguarda la querela mossa nei suoi confronti da Morgan, dopo la pesante lite che i due hanno avuto nell’ultima puntata di Ballando sulle Stelle e che non ha lasciato indifferente neppure Milly Carlucci.

Per l’avvocato della Lucarelli, quindi, ci sarà ancora molto da fare.

Potrebbe interessarti