primo piano di silvia toffanin

E dopo aver ospitato, in successione, la donna in assoluta più discussa del momento dalle penne rosa, Pamela Prati; Wanda Nara e Diletta Leotta, è il turno di Alessia Marcuzzi. Sarà proprio la conduttrice una degli ospiti di punta della prossima puntata del 4 maggio di Verissimo, il talk pomeridiano di successo condotto da Silvia Toffanin. Ma ovviamente, la Marcuzzi sarà solamente una tra i tanti ospiti della giornata quali Michele Placido e il fresco di compleanno, Roby Facchinetti.

Tutti gli ospiti di Verissimo

Che cosa bolle in pentola questo sabato a Verissimo?

Ovviamente Silvia Toffanin non abbassa mai la guardia e riesce sempre a far sedere di fronte a sé i personaggi più chiacchierati del momento. Così dopo aver accolto in studio Diletta Leotta, Pamela Prati e Wanda Nara, fa il suo trionfale ingresso anche Alessia Marcuzzi, la conduttrice volto de L’Isola dei Famosi che quest’anno ha incontrato di fronte a sé diverse difficoltà e non è sempre stata tre le “protette” del pubblico, dovendosi in più occasioni difendere da critiche feroci prendendo anche le distanze da situazioni molto scomode come il caso di Riccardo Fogli.

Ti potrebbe interessare anche: Pamela Prati ospite a Verissimo: tutta la verità sul suo matrimonio

Il mea culpa di Alessia Marcuzzi

È la prima volta che Alessia Marcuzzi interviene da uno studio televisivo dopo la fine del reality che quest’anno non ha collezionato un enorme e sperato successo. Per la prima volta, chiamata a discorrerne da Silvia Toffanin, la Marcuzzi ha raccontato la sua esperienza, felice e travagliata al contempo: “Il reality è un reality anche per noi conduttori – racconta la Marcuzzi – È tutto live senza un vero e proprio copione, è in diretta e succedono tante cose che anche noi viviamo quasi come i concorrenti.

È bello ma anche molto difficile da condurre, spiega la Marcuzzi lasciando intendere le difficoltà incontrate.

Ti potrebbe interessare anche: Riccardo Fogli a Verissimo: “Mia moglie merita rispetto”

L’intoppo “Fogli”: “Ho le mie responsabilità

Tornando sul “Fogli-gate“, ovviamente la Marcuzzi non ha potuto far altro che constatare i fatti, prendendo atto degli errori – e non – commessi: “Fino all’intoppo con Riccardo mi sentivo proprio che fosse la mia Isola più bella – confessa la conduttrice, con un po’ di amarezza tirando le somme – Anche come conduzione.

E poi è successo che con Riccardo Fogli è arrivata questa onda anomala che ci ha travolto tutti“. Traspare ovviamente il senso di colpa per lo spiacevole e disarmante accaduto che ha allontanato moltissimi telespettatori, indignati per l’umiliazione pubblica inflitta a Fogli da Fabrizio Corona: “Solitamente sono molto materna, ma in quel caso non sapevo bene cosa fare e mi sentivo in colpa perché avrei potuto evitarlo. Io ho le mie responsabilità e me le prendo“.

Ci tiene a specificare a Silvia Toffanin il suo dissenso nei confronti di quel videomessaggio inopportuno: “Avrei voluto Fabrizio Corona in studio perché sarebbe stato più facile avere un contraddittorio. In quel video c’erano per me delle cose troppo violente e il mio errore è stato quello di non dire “No” più forte. Non potevo dissociarmi – continua la Marcuzzi – Perché lo avevo visto, per cui, non essendo ipocrita, a Riccardo ho potuto dire solo mi dispiace“.

La sferzata contro Simona Ventura: “Segno di debolezza

Trovandosi sull’argomento, la Toffanin ha voluto chiedere anche cosa ne pensasse la Marcuzzi delle feroci critiche rivolte contro di lei dalla “madre” dell’Isola, Simona Ventura.

La risposta è indispettita: “Non si parla male dei colleghi. E’ una cosa che trovo poco elegante. Lei ha fatto la sua Isola, io ho fatto la mia, ognuno ha il suo modo di condurre. La cosa che mi fa sorridere è che noi abbiamo iniziato insieme“. Declina così le accuse della Ventura che l’aveva pizzicata per servirsi di un gobbo che la rende poco spontanea: “Ho quasi 47 anni, sono quasi trent’anni che faccio questo mestiere e mi viene da ridere quando si parla di copione“.

Quello che la Marcuzzi rinfaccia poi alla Ventura è la mancanza di solidarietà tra colleghe, rivolgendole un’accusa in risposta: “Secondo me sono un segno di debolezza“. E pronunciata questa parola, già possiamo immaginare quanto poco farà attendere Simona Ventura prima di rispondere dall’altra parte del palinsesto.

*immagine in alto: Silvia Toffanin a Verissimo (frame)