amadeus in primo piano davanti alla Rai

Preoccupato e impaurito. L’emergenza Coronavirus ci ha restituito un altro Amadeus rispetto a quello istrionico e irriverente di Sanremo. Il conduttore si è confidato sulle pagine di Oggi e ha motivato la scelta di sospendere il programma I soliti ignoti. Troppa la paura di essere contagiato e di favorire così la diffusione dei virus.

Coronavirus, Amadeus: “Ho paura, non mi vergogno a dirlo

In mezzo a tanti ottimisti, Amadeus è un po’ una pecora nera. Se andrà tutto bene lo sapremo solo tra qualche mese, nel frattempo Amadeus non nasconde la sua preoccupazione: “Ho paura, non mi vergogno a dirlo.

Tant’è che ho dovuto bloccare le registrazioni de I Soliti Ignoti. Ritengo che la semplice autocertificazione non sia sufficiente per garantire la tranquillità di tutto lo studio, delle tante persone che ci lavorano, me compreso”.

Nell’intervista ad Oggi, Amadeus non ha avuto paura di mostrare le due debolezze. Il conduttore ha lasciato Milano e si è rifugiato nella sua casa di Roma insieme all moglie Giovanna Cavitillo e al figlio Josè. Sospendere I soliti Ignoti è stata una scelta di cuore dettata dalla paura del contagio e dal fatto che sarebbe stato impossibile (e poco etico) far spostare decine di concorrenti da tutta Italia.

Amadeus preoccupato per la figlia Alice in Spagna

Amadeus non è soltanto preoccupato per la situazione italiana ma anche per la figlia Alice, che vive in Spagna. Il Coronavirus è esploso nella penisola iberica e il picco è molto lontano. Una situazione lacerante dopo la telefonata della figlia: “Papà anche qui stanno chiudendo tutto”.

Amadeus è fra i protagonisti della nuova campagna di sensibilizzazione contro il Covid-19 che circola da qualche settimana sui canali Rai e su tutti i social.

In questo video invita tutta la popolazione all’uso delle buone pratiche quotidiane che aiutano a contenere la diffusione del virus.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, morto medico di base di Codogno: “In guerra senza protezione

Coronavirus, Spadafora: “Valutiamo divieto assoluto per attività all’aperto