L'attore Gigi Proietti, scomparso a 80 anni

Giorno nero per il teatro, il cinema e il mondo dell’intrattenimento italiano. Con la morte di Gigi Proietti, se ne va infatti uno dei più grandi interpreti del mestiere di attore, versatile come pochi e amato da milioni. Dopo la sua improvvisa morte, arrivata nella notte, si sono accumulati i messaggi d’addio e di cordoglio per l’attore romano, che proprio oggi avrebbe compiuto 80 anni. Tra loro, il premier Conte, Alberto Angela, Mara Venier e i colleghi Carlo Verdone e Pierfrancesco Favino.

La poesia di Favino per Gigi Proietti

Nelle scorse ore, particolarmente toccante è stato il ricordo, denso d’emozione, dell’amico e collega Alessandro Gassmann.

Il figlio di un altro mostro sacro come Vittorio, l’ha omaggiato definendolo Maestro e amico. Ancora più toccanti, per certi versi, le parole di un altro attore italiano, Pierfrancesco Favino: romano come Proietti, ha deciso di dedicargli un sonetto nel dialetto con cui il compianto Gigi ha costruito una carriera e fatto ridere, piangere e pensare per oltre 50 anni.

Però ‘n se fa così, tutto de botto. Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto.

Inizia così il suo sonetto, tutto in rima e con quella veracità tipica dei figli della Città Eterna. “Te sei inventato un modo che non c’era de racconta‘ la vita e ce l’hai regalato così un po’ all’impunita, facendo crede a tutti che in fondo eri normale, si ce facevi ride de quello che fa male“, altri versi di Favino. La chiusura della sua poesia, è una summa della comicità di Proietti: “Salutece San Pietro, stavolta quello vero, tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero“.

Visualizza questo post su Instagram

Però ‘n se fa così, tutto de botto. Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto. Sentì drento a la panza strignese come un nodo Sape’ che è la mancanza e nun avecce er modo de ditte grazie a voce pe’ quello che c’hai dato pe’ quello che sei stato, perché te sei inventato un modo che non c’era de racconta’ la vita e ce l’hai regalato così un po’ all’impunita, facendo crede a tutti che in fondo eri normale, si ce facevi ride de quello che fa male, si ce tenevi appesi quando facevi tutto, Parla’, balla’, canta’, pure si stavi zitto. Te se guardava Gi’, te se guardava e basta come se guarda er cielo, senza vole’ risposta. All’angeli là sopra faje fa du risate, ai cherubini imparaje che so’ le stornellate, Salutece San Pietro, stavolta quello vero, tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero.

Un post condiviso da Pierfrancesco Favino (@pierfrancescofavino) in data:

L’addio di Carlo Verdone

Restando nel mondo dell’intrattenimento e tra i colleghi, anche un altro Maestro della risata e della commedia italiana come Carlo Verdone ha voluto dedicare un pensiero all’attore che dato il volto a Mandrake, la voce a Rocky Balboa e al Genio di Aladdin e molto altro. “Ci lascia un attore gigantesco – ha scritto Verdone – Sul palcoscenico tra i migliori se non il migliore. Enorme presenza scenica, maschera da attore dell’antica Roma, tempi recitativi sublimi. Era un volto che rassicurava che l’identità di questa città ancora vive“.

Il legame tra Proietti e Roma era enorme e arriva anche dal suo Maestro, Ettore Petrolini, che a detta di Verdone “più volte ha superato“.

Carlo Verdone dà l'addio a Proietti
Carlo Verdone dà l’addio a Proietti

I saluti di Giuseppe Conte e Alberto Angela

Oltre all’addio di Favino, sono molti coloro che oggi hanno dedicato un pensiero a Gigi Proietti. Non ha mancato di salutarlo il premier Giuseppe Conte, sui cui account ufficiali, tra le comunicazioni a Camera e Senato del nuovo Dpcm in arrivo, è apparsa una foto e un ricordo dell’attore. “Con Gigi Proietti non se ne va solo uno dei volti più amati dal pubblico, ma anche uno straordinario protagonista della nostra cultura – scrive Conte – Proprio nel giorno del suo compleanno ci lascia un genio dello spettacolo che ha saputo divertire e commuovere milioni di italiani.

La sua scomparsa addolora tutto il Paese“.

Il messaggio di Conte per Gigi Proietti
Il messaggio di Conte per Gigi Proietti

Per certi versi altrettanto “istituzionale” è un altro volto noto agli italiani, ossia Alberto Angela. Il divulgatore scientifico e figlio di Piero, ha scritto queste parole sul suo profilo: “La notizia della scomparsa di Gigi Proietti mi ha particolarmente scosso. Viene a mancare un gigante del palcoscenico italiano che lascia un vuoto incolmabile“.

Angela lo descrive come un artista unico, che “sapeva coinvolgerti in modo totale in ogni tipo di rappresentazione“. I due, hanno lavorato di recente insieme a Ulisse – Il Piacere della scoperta.Se ne va uno dei nostri” è la fine del suo toccante messaggio.

Alberto Angela ricorda Gigi Proietti
Alberto Angela ricorda Gigi Proietti

Mara Venier e Renzo Arbore in lutto per Gigi Proietti

Innumerevoli i post, le foto e i saluti al grande attore. Anche Enrico Montesano, al fianco di Proietti durante le sue mandrakate, ha voluto ricordarlo con una loro foto: “Te possino Mandrà, proprio oggi?”. Commozione anche per Renzo Arbore, che ad Avvenire ha ricordato così l’amico scomparso: “Quando lo vidi per la prima volta nel suo straordinario spettacolo A me gli occhi, please.

Da allora ogni volta che ho chiamato Gigi nelle mie trasmissioni è sempre venuto con grande entusiasmo, idem io quando era lui a invitarmi. Ci siamo sempre trovati a meraviglia, una grande intesa“.

Anche Mara Venier, per molti anni al fianco di Renzo Arbore, ha detto la sua sulla morte di Proietti, intervenendo dalla Clerici a È sempre mezzogiorno. “Io di ricordi ne ho tanti, Gigi Proietti è stato un grande artista per tutti ma i miei ricordi sono privati.

Credo per che Renzo sia un dolore immenso, è una bella botta per lui perché erano legatissimi” ha detto.

Solo pochi giorni fa l’addio a Sean Connery: leggi di più

I funerali di Gigi Proietti

In onore di Proietti, in queste ore è proiettata una sua foto sulla facciata del Campidoglio a Roma, così come sul Colosseo. La Sindaca Virginia Raggi ha inoltre proclamato il lutto cittadino per la sua scomparsa. Deciso inoltre il giorno del suo ultimo saluto: i funerali di Proietti saranno giovedì 5 novembre, nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo, nella sua amata Roma.

Il volto di Gigi Proietti sul Colosseo di Roma
Il volto di Gigi Proietti sul Colosseo di RomaCOLOSSEO

Approfondisci

È morto Gigi Proietti: addio all’attore nel giorno del suo compleanno

Gigi Proietti: una vita per la recitazione dagli esordi a Shakespeare