Cronaca Italia

Uragano Apollo in Sicilia: massima allerta per il maltempo, strade allagate e decine di interventi

Uragano Apollo in arrivo sulla Sicilia: l'isola si prepara a condizioni meteo estreme e senza precedenti, con criticità che interessano soprattutto Catania e Siracusa
Uragano Apollo

L’uragano mediterraneo (Medicane) ribattezzato “Apollo” si avvicina alla Sicilia e le piogge si sono fatte più intense, con venti previsti fino a 100km/h. Dopo la situazione vissuta nelle ore scorse, con allagamenti, dispersi e morti, Catania attende l’arrivo della nuova ondata di maltempo in un clima quasi spettrale. Scuole e attività chiuse, ma anche nuove criticità che si starebbero registrando nel Siracusano.

Uragano Apollo in Sicilia: l’avviso della Protezione civile

L’uragano mediterraneo “Apollo”, secondo le rilevazioni dei radar, procede verso la Sicilia, tra Siracusa e Malta, e il suo progressivo avvicinamento ha prodotto una intensificazione delle precipitazioni sull’area orientale.

La frazione di Targia risulta allagata e si registrano infiltrazioni nell’ospedale di Avola“, ha dichiarato il capo dipartimento della Protezione civile regionale, Salvo Cocina, a Uno Mattina su Raiuno. Monitoraggio costante e invio di rinforzi sull’isola, per contenere l’impatto della nuova ondata di maltempo.

Il Dipartimento della Protezione civile ha diramato un nuovo bollettino sulle criticità meteo previste dalle prime ore di oggi: “Venerdì 29 ottobre, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale sulla Calabria, in particolare sui settori meridionali.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata allerta rossa su parte della Sicilia, allerta arancione sui settori meridionali della Calabria e su settori della Sicilia e allerta gialla sulle restanti aree della Sicilia e sulle zone centrali della Calabria“.

 

Uragano Apollo, allagamenti nel Siracusano

Il lavoro dei Vigili del fuoco prosegue per i danni registrati nelle province di Catania e Siracusa: 160 gli interventi nelle ultime 24 ore. In queste ore, diverse unità di rinforzo hanno raggiunto la Sicilia dalla Campania e dalla Puglia. Nel Siracusano, il primo intensificarsi dei fenomeni ha prodotto allagamenti e strade interrotte in tutta la provincia, ma l’allerta non è finita ed è previsto un ulteriore peggioramento.

Augusta è isolata: lo riferisce l’Ansa, secondo cui gli ingressi della città sarebbero bloccati per allagamenti in entrata ed in uscita e, al momento, l’intervento con pompe idrovore sarebbe impraticabile.

Esondato il torrente Porcaria nella zona di Brucoli.

Maltempo in Sicilia, dopo Catania criticità a Siracusa: famiglia soccorsa in gommone

Tra gli interventi condotti oggi in Sicilia, a Siracusa una famiglia sarebbe stata salvata dopo essere rimasta isolata per gli allagamenti nella zona dei Pantanelli, recuperata con un gommone dai volontari della Protezione civile. Alcune abitazioni della zona della Borgata, riporta ancora Ansa, risultano allagate. Chiuse diverse strade: l’ingresso nord della città (Targia), viale Epipoli, strada Tremmilia, zona Pantanelli, via Ermocrate e viale Regina Margherita.

Esondazioni interessano il torrente Mortellaro e sarebbe stato attivato il monitoraggio dei fiumi Ciane e Anapo.

Potrebbe interessarti