bimbo morto caduto dal carro di carnevale

Nessuno ha dimenticato Gianlorenzo Manchisi, il bimbo caduto da un carro durante la sfilata di carnevale di Bologna. Era il 5 marzo, come tutti i bimbi della sua età era andato a divertirsi in strada per festeggiare, vestito da Power Rangers. Ora per il suo caso ci sono 3 indagati: l’allestitore del carro allegorico, l’ingegnere che ha rilasciato il collaudo del mezzo e anche la mamma.

Gli indagati dopo la morte di Gianlorenzo

La Procura di Bologna ha iscritto nel registro degli indagati tre persone, l’ipotesi è per tutti omicidio colposo e per tutti si tratta di un atto dovuto. A notificare gli avvisi di garanzia sono stati i carabinieri della stazione Bologna Indipendenza, mentre dell’inchiesta si occupa la pm Beatrice Ronchi.

bologna
Fonte: Ansa

La caduta terribile dal carro di carnevale

Il 5 marzo Gianlorenzo si trovava sul carro mentre questo sfilava in via Indipendenza a Bologna. Una giornata di divertimento sul carro di Masterchef ma poi all’improvviso, mentre cercava di sedersi all’indietro è scivolato giù dal carro. Nella caduta ha sbattuto violentemente la testa a terra. C’è voluto qualche attimo in più perché tra le grida festa della giornata, qualcuno si accorgesse delle grida di disperazione dei due genitori.

Quando sono arrivati i soccorsi hanno provato in tutti i modi a rianimarlo, poi è stato trasferito all’Ospedale Maggiore. Le sue condizioni poi sono peggiorate fino al decesso, avvenuto meno di un giorno dopo. Qualche giorno dopo la tragedia, il padre di Gianlorenzo aveva scritto su Facebook: “Oggi sei e sarai quel Angelo che io e Mamma abbiamo cercato ricciolo castano cuore di Mamma è Papà“.

ambulanza
Immagine di repertorio