La regina Elisabetta e il duca di York, il principe Andrea

A distanza di mesi dall’ultima apparizione pubblica fatta in un’intervista rilasciata per BBC lo scorso novembre, e dal ritiro forzato a vita privata, il principe Andrea, terzogenito della Regina Elisabetta e duca di York ricompare sui social.

Nonostante lo stop forzato da pandemia da Covid-19, i guai del ramo York della famiglia proseguono, il matrimonio della principessa Beatrice, previsto per il prossimo 29 maggio tra St James Palace e i giardini di Buckingham è stato annullato. Il principe Andrea, caduto in disgrazia e senza entrate economiche, è stato protagonista di un altro piccolo scandalo, non saldando l’acquisto di uno chalet in Svizzera, finendo così nuovamente sui giornali.

Infine, pare abbia smesso di collaborare alle indagini sul caso Epstein.

La foto di Sarah Ferguson

Il principe Andrea in piedi insieme alle donne della sua famiglia, l’ex (?) moglie Sarah Ferguson e le due figlie Eugenia e Beatrice, in una foto pubblicata da Fergie in occasione della giornata internazionale della famiglia. Questa la prima “apparizione” pubblica del duca dopo essere stato allontanato dalla regina Elisabetta a causa dello scandalo Epstein.

Il principe appare sereno e sorridente in quella che è una famiglia unita, citando la stessa Ferguson che scrive: “Sono così orgogliosa della nostra famiglia unita e amorevole”.

In molti hanno poi reagito positivamente a questa immagine, augurando agli ex di tornare insieme ed essere felici.

La foto di famiglia postata da Sarah Ferguson su Instagram

Sempre accanto all’ex marito

A ridosso dell’intervista del principe, Sarah Ferguson è stata la più agguerrita tra i suoi difensori. In un lungo post su Instagram scriveva: “È raro incontrare qualcuno con la capacità di parlare con sincerità e onestà che vengono dal cuore e che resti fedele ai suoi principi”.

Andrea è un vero gentleman fedele al suo senso del dovere, gentile e buono. Vede sempre il bene nelle persone. Gli sono profondamente vicina supportandolo e sono fiera dell’uomo che è”.

Il principe non collabora più con la polizia

Lo scorso marzo però, il procuratore del distretto di Manhattan, Geoffrey Berman, ha annunciato ai giornalisti che il duca di York ha smesso di collaborare volontariamente alle indagini sul caso Epstein. Il principe Andrea che, nonostante il ritiro dalle scene, è ancora appellato con il titolo di principe pedofilo, avrebbe dovuto riferire in merito ai legami del miliardario morto suicida in carcere.

La procura di New York sta valutando altri metodi per interrogare il principe.

Approfondisci:

Epstein, i dubbi sull’autopsia: “Ci sono prove di omicidio”

Caso Epstein: il principe Andrea nega ogni coinvolgimento

Epstein, il sorvegliato speciale che è riuscito a suicidarsi senza che nessuno lo fermasse