Continua l’attività investigativa sul giallo di Viviana Parisi e del piccolo Gioele, madre e figlio scomparsi il 3 agosto scorso dopo un incidente sulla A20 Messina-Palermo e ritrovati senza vita nelle campagne di Caronia. Proprio nel luogo della terribile scoperta si cercano nuovi elementi utili a risolvere il mistero sulla morte della dj 43enne e del suo bimbo di 4 anni, e spunta una novità: trovati altri frammenti ossei ora al vaglio degli inquirenti, resti che potrebbero dare risposte importanti.

Caso Viviana Parisi, a Caronia trovati nuovi resti ossei

Il giallo di Viviana Parisi e Gioele Mondello, madre e figlio di 43 e 4 anni scomparsi dopo un incidente sulla A20 Messina-Palermo e ritrovati senza vita a Caronia, a distanza di 10 giorni l’una dall’altro, continua a tenere impegnati gli inquirenti e la Procura di Patti.

Indagini complicate dalla condizione dei corpi, su cui le autopsie intervenute dovranno cercare risposte preziose per risolvere tutti gli interrogativi in campo. Come sono morti Viviana Parisi e il suo bimbo? Ancora non c’è una ricostruzione che possa dirsi definitivamente nitida, e si cercano ulteriori elementi in quelle campagne che sanno di dolore e tanti, troppi dubbi.

Di ieri la notizia, riportata dall’Ansa, del ritrovamento di altri frammenti ossei nella ruvida macchia di Caronia, in quell’area in cui si erano condensati gli sforzi investigativi alla ricerca di tracce della donna e del suo bambino. Si tratterebbe di resti la cui natura non è ancora chiara: soltanto le analisi dei reperti, infatti, potranno stabilire se appartengono al piccolo Gioele. In caso affermativo, questo potrebbe arricchire il quadro di elementi potenzialmente utili a risolvere parte delle domande che gravitano intorno al caso.

Si attendono risposte dalle autopsie

Il 2 settembre scorso, presso il dipartimento di Geologia forense dell’università di Messina, si è concluso un nuovo esame sui resti e sul cranio ritenuti compatibili con il piccolo Gioele Mondello.

Abbiamo fatto un prelievo sui reperti geologici, in particolare terriccio”, ha spiegato il medico legale Elvira Ventura Spagnolo, incaricato della Procura di Patti, come riporta SkyTg24.

Gli esperti nominati dalla Procura procedono con i piedi di piombo, incorniciando il delicato lavoro di analisi in un quadro di prudenza e riserbo.

Occorreranno ulteriori accertamenti per intravedere la luce in fondo al limbo di domande che circonda la morte di Viviana Parisi e del figlio, e bisognerà attendere gli esiti di tutti gli esami post mortem per provare a capire come sono andate le cose.

Approfondisci

TUTTO SUL GIALLO DI VIVIANA E GIOELE

Viviana e Gioele, esposto della famiglia per presunti ritardi nelle ricerche

Viviana Parisi, autopsia conclusa: i primi esiti

Viviana e Gioele, Daniele Mondello: “Il parabrezza era già rotto”