il principe filippo e la regina elisabetta

Il Coronavirus Covid-19 è diventato pandemia, come annunciato dall’OMS durante la settimana, e fa paura. In Francia Macron chiude le scuole, in Spagna aumentano i contagi, il Presidente USA Trump dichiara lo stato d’emergenza nazionale e la figlia Ivanka sceglie l’autoisolamento dopo aver avuto contatti diretti con persone positive al virus.

E il Regno Unito? A poco più di un mese e mezzo dalla Brexit, anche per la cara e vecchia Inghilterra è giunto il momento di far fronte all’emergenza… o forse no. Una cosa è certa, se il Primo Ministro Boris Johnson punta a quella che è stata definita “immunità di gregge”, e il virus viene visto con superficialià, Buckingham Palace la pensa diversamente e ha già predisposto un piano d’emergenza per tutelare la salute della Regina e del Principe Filippo.

Il piano di sicurezza per la Regina

Nel mese di frebbraio 2019, era stato reso noto il piano Whitehall, un sistema d’emergenza volto a portare in salvo la Regina Elisabetta e famiglia in caso di disordini post Brexit. Qualcosa di simile ora è al vaglio di Buckingham Palace che ha già annunciato un piano per tutelare la salute di Sua Maestà.

Si tratta principalmente di una riduzione dei contatti con l’esterno e degli incontri ufficiali, inoltre la Regina ora dovrà indossare i guanti in qualsiasi circostanza, anche privata. Piccoli accorgimenti presi perché a preoccupare lo staff è l’età di Elisabetta II, 94 anni, e del Principe Filippo, 99.

Trasferimento in un’altra residenza

Non si esclude che la Regina e il Principe saranno trasferiti in un’altra residenza dei Windsor; la scelta ricadrebbe tra Sandringham House, Balmoral o Windosor. È probabile che le suddette precauzioni possano essere adottate anche per il resto della Royal Family.

Al momento però Carlo, William e Kate continuano con le loro attività e i principini vanno ancora a scuola; anche se l’allerta è massima.

Non solo guanti ed ipotetici trasferimenti, Buckingham sta valutando anche la sospensione dei Garden’s Parties, mentre per il Principe Carlo e Camilla sono stati sospesi i viaggi in Bosnia, Giordania e Cipro. Rischia di essere rimandato anche il matrimonio di Beatrice di York, previsto per il 29 maggio e il viaggio di Anna d’Inghilterra a Tokyo.

La principessa è presidentessa del British Olympic Association.

Trooping the Colour a rischio

Tra tutti questi però, c’è un evento ancora più importante che rischia di essere posticipato, se non addirittura annullato; si tratta del Trooping the Colour, l’evento in occasione del compleanno della Regina previsto per il 13 di giugno.

Un evento ormai noto, che da 65 anni raduna nella zona di Green Park migliaia di persone. Il compleanno della Regina è il 21 aprile ma solitamente i festeggiamenti si tengono a giungo per permettere un maggiore afflusso di persone. L’aumento esponenziale dei casi ha allarmato molto Buckingham, per questo si valutano misure drastiche.