medici in mascherina in ospedale

Le vittime per Covid-19 continuano a diminuire e, stando a quanto ha dichiarato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro  nel corso della conferenza stampa, la curva dei contagi è in fase decrescente. A conferma di ciò si aggiunge anche la notizia relativa alla chiusura di una delle cinque terapie intensive per pazienti positivi al coronavirus dell’ospedale Niguarda di Milano.

Una prima buona notizia

La notizia è stata diffusa attraverso l’account Facebook dell’ospedale: “È un piccolo passo, ma importantissimo” è l’incipit del post. Si iniziano quindi a vedere i risultati delle misure di contenimento dei contagi.

L’ospedale Niguarda, nel dare la notizia ricca di speranza, invita allo stesso tempo a continuare ad essere cauti, in quanto l’emergenza sanitaria non può essere considerata superata:L’emergenza non è terminata e non possiamo assolutamente abbassare la guardia. Ma una prima buona notizia c’è. Il calo degli ultimi giorni di nuovi pazienti positivi ci ha permesso di chiudere una delle 5 terapie intensive che in questi due mesi abbiamo dovuto aprire per l’assistenza dei malati covid“.

Il risultato del duro lavoro del personale sanitario

Si tratta di 27 posti letto occupati, in questo ultimo periodo, da persone affette da Covid-19 giunte in ospedale in condizioni gravissime.

Adesso il reparto verrà riorganizzato e sanificato per poter ripartire!” continua il post su Facebook. “E alla fine… la gioia di chi, negli ultimi 50 giorni, ha lavorato in questo reparto con tantissima dedizione, professionalità, responsabilità e sensibilità… grazie!

La gioia di medici ed infermieri all’ospedale Niguarda

Insieme alle parole di speranza, l’ospedale Niguarda ha pubblicato anche un video per rendere tutti partecipi della gioia dei medici ed infermieri che nelle ultime settimane hanno lavorato sodo e sono stati al fianco dei tantissimi pazienti che, fino a pochi giorni fa, versavano in condizioni critiche.

Le immagini dei letti finalmente vuoti in uno dei tanti ospedali italiani in prima linea nella lotta contro il coronavirus fa riaccendere la speranza. La battaglia contro il Covid-19 può essere vinta.

Approfondisci

Tutto sul Coronavirus
Coronavirus, a Bergamo non ci sono più bare da portare via: è finita
Coronavirus, De Magistris applaude i napoletani: “Hanno capito il pericolo