Manuel Bortuzzo ha ricevuto una visita da Lele Spedicato

Con queste parole, dalla pagina Facebook creata per supportare la riabilitazione di Manuel Bortuzzo, Tutti con Manuel, il papà del giovane, Franco Bortuzzo ha diffuso la notizia che il chitarrista dei Negramaro Lele Spedicato è andato a far visita al 19enne. Il giovane ha iniziato da pochissimo la riabilitazione e il 7 marzo è tornato a nuotare. La giovane promessa del nuoto ha perso l’uso delle gambe a causa di un proiettile che l’ha ferito il 3 febbraio scorso, colpo esploso dalla pistola di due malviventi che ora si trovano in carcere per omicidio premeditato, Daniel Bazzano e Lorenzo Marinelli, e che l’hanno sparato per errore.

Lele Spedicato con Manuel Bortuzzo

Anche Lele Spedicato, come Maniel Bortuzzo, sta affrontando le cure mediche necessarie a tornare in salute dopo che, il 17 settembre 2018, è stato ricoverato d’urgenza. Il chitarrista dei Negramaro è rimasto in ospedale per un mese per curare l’emorragia cerebrale che aveva in corso quando è stato trasportato in codice rosso all’Ospedale Vito Fazzi di Lecce.

Infatti, ha dovuto rinunciare a prendere parte al tour dei Negramaro partito il 14 febbraio scorso, anche se, spesso, ha fatto la sua comparsa sul palco per la felicità della band e anche dei fan.

Lele Spedicato si è recato alla Fondazione Santa Lucia di Roma dove Manuel Bortuzzo è in riabilitazione. Sulla pagina Tutti con Manuel è stato condiviso dal padre del 19enne lo scatto che ha immortalato l’incontro tra i due, accompagnato da queste parole: “Visita top! Lele il chitarrista di Negramaro, musicista con alto profilo umanitario e combattente, i leoni si associano, grazie Emanuele Spedicato in arte ‘Lele’“.

Le parole di Lele Spedicato

Anche Lele Spedicato ha voluto celebrare l’incontro con Manuel Bortuzzo condividendo lo stesso scatto sulla sua pagina Facebook e lodando la grande forza d’animo dimostrata dal ragazzo: “Super Manuel è scritto nei tuoi occhi che andrà tutto bene!

Sei un campione. Non mollare mai come solo i campioni sanno fare“.

Lele Spedicato va a trovare Manuel Bortuzzo
Manuel Bortuzzo

D’altronde, la storia di Manuel Bortuzzo e la sua grande forza non possono lasciare indifferenti. Da Bebe Vio a Massimiliano Rosolino, dalle figure istituzionali a Giuseppe Giangrande, il carabiniere ferito davanti Palazzo Chigi e rimasto paralizzato, in tantissimi hanno dimostrato la propria vicinanza a Manuel Bortuzzo in questo periodo che, seppur difficile, il ragazzo sta affrontando con una tenacia e con una vitalità che lasciano senza parole. Tutti gesti di affetto verso i quali il ragazzo di appena 19 anni ha dimostrato gratitudine e riconoscenza.