Spettacolo

Agente 007 – Bersaglio Mobile: su Rete4 l’ultima volta di Roger Moore nei panni di James Bond

Scopri tutto sul film che vede Roger Moore per l'ultima volta nei panni dell'agente segreto. James Bond dovrà nuovamente fermare un piano del nuovo cattivone di turno.
Agente 007 – Bersaglio Mobile

Sabato 11 dicembre 2021 i telespettatori su Rete 4 potranno apprezzare l’ultima grande interpretazione di Roger Moore nei panni dell’agente segreto più conosciuto della storia del cinema. L’attore compare per l’ultima volta come James Bond della lunga saga sull’agente 007 nella pellicola Agente 007 – Bersaglio Mobile. Il quattordicesimo film della serie mostrerà Bond alle prese con un complotto misterioso che vorrebbe radere al suolo la Silicon Valley per impossessarsi di alcune installazioni tecnologiche. La pellicola torna su Rete 4 a partire dalle ore 21:20 circa. Scopri la trama, il cast e le curiosità della pellicola.

Qui puoi scoprire anche le trame e le curiosità degli altri film di 007 andati in onda su Rete 4 negli ultimi mesi:

Agente 007 – Bersaglio Mobile: il cast e le curiosità sulla pellicola

007 – Bersaglio mobile (dal titolo in lingua originale di A View to a Kill) è un film del 1985 diretto da John Glen, noto regista divenuto una base solida per l’intera saga sull’agente segreto grazie alla sua partecipazione prima come montatore e collaboratore della casa di produzione che si occupava dei film della serie e poi come vero e proprio regista di ben cinque film girati tutti negli anni ’80.

Nel film il pubblico può gustarsi l’ultima interpretazione di due volti noti delle pellicole di James Bond come Roger Moore, per l’ultima volta nei panni dell’agente 007, ed anche Lois Maxwell ad interpretare Miss Moneypenny, storica segretaria del cattivone dal nome di M.

Nel ruolo della Bond girl di nome Stacey Sutton troviamo l’attrice Tanya Roberts mentre nella pellicola ha un ruolo di rilievo anche l’apprezzato Christopher Walken interpretando il cattivo Max Zorin.

Agente 007 – Bersaglio Mobile: la trama del film

James Bond in questo capitolo si deve mettere sulle tracce di una losca produzione di sofisticati microchip di computer. All’agente questo traffico apparirà subito sospetto sin da quando si metterà sulle tracce di Max Zorin, quello che sembrerebbe un industriale di origini russe.

L’uomo nasconde invece un importante ruolo come spia del governo russo pronta ad attuare un piano stratosferico: provocare un duro sisma sotto la Silicon Valley in modo da raderla al suolo. L’obiettivo della sua organizzazione è infatti quello di piazzare un pericoloso ordigno che spetterà a James Bond ed a Stacey Sutton di disinnescare prima che sia troppo tardi.

Potrebbe interessarti